Isole Svalbard: una vacanza fuori dall’ordinario

18 dicembre, 2013 nessun commento


Share

White Polar Bear Hunter on the Ice in water drops.

 

AI CONFINI DEL MONDO
Scoperte da Willem Barents nel lontano 1596, le Isole Svalbard, a metà strada tra la Norvegia e il polo Nord, ancora oggi sono in grado di offrire una natura artica autentica. Proprio alle svalbard si trova il più grande ghiacciaio di tutta la Norvegia: l’Austfonna, la calotta glaciale più estesa dopo l’Antartico e la Groenlandia. Abitate per lo più da orsi polari che da esseri umani, queste isole rientrano a pieno titolo nei luoghi da vedere almeno una volta nella vita.
QUANDO E COSA FARE
Sole di mezzanotte e scogliere brulicanti di uccelli in estate, aurore boreali e paesaggi fulgidi in inverno ed ancora vecchie miniere…Questo è solo un assaggio di quello che potrete trovare una volta arrivati in questo arcipelago. Tre le riserve naturali, sei i parchi nazionali e 15 le aree protette per gli uccelli. Insomma un vero paradiso per gli amanti della natura e per chi è in cerca di forti emozioni tra fiordi e ghiacciai. Avventura e divertimento garantiti con escursioni a piedi, crociere, gite in barca, in kayak, in motoslitta o su slitte trainate dai cani. La stagione migliore? Dipende dai gusti…Quella consigliata va dall’inizio di giugno fino a metà settembre: la cosiddetta stagione delle barche. Preparate quindi macchinette fotografiche e telecamere perchè da queste parti non si scherza, la natura vi aiuterà sicuramente ad  immortalare una scena da veri reporter di viaggio.
COME RAGGIUNGERLE
In aereo. Beh se vogliamo essere precisi… Cartina alla mano: queste isole si trovano tra il 74° e l’81°grado di latitudine Nord e tra il 10° ed il 35° grado di longitudine est.

Lucia Limiti

Tag:, , ,