Come fare la valigia perfetta?

25 maggio, 2015 nessun commento


Share

Ecco ci siamo. Mancano solo due giorni alla partenza ed è almeno una settimana che ci limitiamo a guardare la valigia con timore reverenziale. Cosa portare? Cosa lasciare a casa? Meglio andare sul sicuro portando più del necessario oppure puntare su un’attenta preparazione per evitare il sovrappeso al check-in dell’aeroporto? Queste sono le domande che ogni volta attanagliano il viaggiatore comune quando oramai mancano poco meno di 48 ore alla partenza, è un classico. Meglio non lasciarsi prendere dal panico e gestire la cosa con calma, da esperti viaggiatori.

 

Si sconsiglia la lettura di questo articolo a tutti quei nobili viaggiatori d’altri tempi con servitù numerosa e dozzine di bauli al seguito, per tutti gli altri è meglio dare un’occhiata!

 

shutterstock_141058819

 

Per prima cosa chiedetevi che viaggio dovete affrontare? Quanto durerà? Mi sposterò molto o sarò in un solo albergo? E’ un paese caldo o freddo? Tutte domande queste che possono influenzare radicalmente la composizione della valigia. In un viaggio lungo, fatto di molte tappe, ad esempio è sconsigliato l’utilizzo di una valigia classica e molto pesante che andrà trasportata in giro per il mondo, meglio un capiente zaino da trekking. Viceversa se invece siete diretti verso una settimana di mare nello stesso luogo potete anche concedervi qualche peso in più visto che la valigia rimarrà parcheggiata in hotel per la maggior parte del tempo.

 

Il primo grave errore da evitare è quello di ridursi all’ultimo secondo. Fare la valigia è un’operazione che richiede pianificazione e attenzione, farlo in 20 minuti, con il taxi che vi deve portare all’aeroporto già sotto casa, è il modo migliore per abbonarsi a spiacevoli sorprese una volta dall’altra parte del mondo. Se potete cominciate a fare la valigia lentamente, già una settimana prima della partenza, disponendo gli oggetti secondo la necessità di utilizzo: inutile mettere in fondo alla valigia una cosa che ci servirà immediatamente appena arrivati.

 

La battaglia per la valigia perfetta si decide sul campo del vestiario. Controllare il fattore tempo vi permetterà anche di lavare quei vestiti di cui non vorreste fare mai a meno durante il viaggio e di riuscire ad asciugarli in tempo per la partenza, cosa questa impossibile per chi si riduce all’ultimo momento. Dopo aver dato un’occhiata al clima e al meteo del paese che vi ospiterà (oggi con le previsioni meteo online è davvero un gioco da ragazzi), bisogna quindi scegliere cosa portarsi dietro.

 

shutterstock_140612287

 

Per le donne meglio giocare con accessori scelti ad hoc piuttosto che appesantire il bagaglio con più combinazioni. Una semplice maglia a tinta unita e manica lunga, tante volte, sarà risolutiva per la sera, magari arricchita da una collana vistosa, da una mega spilla o da una sciarpa particolare, ma potrà anche essere il capo del giorno dopo, magari sotto un cardigan. Non importa portare scarpe e borse perfettamente abbinate tra loro. Basta evitare vistosi pugni negli occhi ed il gioco è fatto.

Una regola fondamentale da bravi maestri Jedi della valigia è cercare di “visualizzare” l’abbigliamento giorno per giorno/sera per sera. E’ una tecnica che serve ad evitare di buttare tutto in valigia e portarsi poi una pietra da 40 chili sul nastro del check in. Inutile ad esempio riempirla di 10 paia di pantaloni, 3 gonne al ginocchio e 10 minigonne che hanno di diverso tra loro solo una tonalità di colore. Il viaggiatore esperto cerca di pianificare a monte e non di posticipare la scelta. Per gli uomini è caldamente consigliato portarsi solo una giacca elegante, magari da abbinare con due tre pantaloni diversi, e che sia in grado di “coprirci” per tutti quegli eventi un po più mondani. Stesso raziocinio per le scarpe, meglio puntare solo su un paio comodo e uno più elegante, entrambi utili in svariate occasioni.

 

Un ultimo consiglio: l’esperto viaggiatore sa che è bene lasciare un po di spazio per i souvenir acquistati durante il viaggio. Evitate quindi di partire con valige già a rischio esplosione e non sperate che il volume si riduca durante la vacanza, il volume aumenta sempre, ricordatevelo!

 

 

 

 

 

 

 

Tag:, , , ,