Lago Balaton, scoprite con noi il “mare” degli ungheresi

1 luglio, 2015 nessun commento


Share

Cosa ti aspetti dalle tue prossime vacanze? Relax e tranquillità oppure una “full immersion” nel divertimento? Sei indeciso fra il mare e la montagna? Fra un percorso culturale ed uno culinario? La risposta ai tuoi dubbi è la patria di Genserico, il leggendario re dei Vandali e degli Alani: si chiama Lago Balaton. Chiamato anche “mare magiaro” e meta privilegiata dai turisti tedeschi, posizionato nell’Ungheria occidentale è il più grande lago dell’Europa Centrale. Poco meno di 600 Km quadrati di acqua cristallina e quasi calda (a causa anche della scarsa profondità dei fondali , al massimo 12 metri) in cui è possibile rilassarsi con un bagno ristoratore e rigenerante.

 

shutterstock_107135546

 

Il Balaton è facilmente raggiungibile da Budapest con l’autostrada M7 oppure con il treno, che tocca, praticamente, tutte le località del lago. Nella parte occidentale, a Sármellék, si trova anche un aeroporto ed un altro, quello di Siófok, è abbastanza vicino. Una volta arrivati non resta che l’imbarazzo della scelta. Sulla riva nord sono possibili romantiche passeggiate fra le ottocentesche stradine di Balatonfüred o, dopo un tonificante bagno in una piscina termale con idromassaggio, escursioni a piedi sul punto più alto di Tihany da dove si può godere di un eccezionale panorama sul lago, rinfrescati da una leggera brezza odorosa di lavanda. Per i patiti del golf, a pochi kilometri, si trova il Royal Balaton Golf & Yacht Club, uno dei più spettacolari e prestigiosi campi di tutta l’Ungheria.

 

Più a Ovest, lungo i pendii vulcanici che declinano dolcemente verso il lago, si trovano gli splendidi vigneti, con uve destinate alla produzione di freschissimi vini bianchi che sarà possibile degustare in una delle tante cantine della zona. E proprio qui, a Badacsony, sorseggiandone un bel bicchiere, sarà possibile sedersi sulla famosa Pietra della Rosa: la leggenda dice che le coppie che lo faranno con le spalle rivolte al lago (anche se sarà difficile rinunciare alla bellezza del paesaggio), sono destinate a sposarsi entro un anno. Se siete astemi vi basterà superare la montagna di basalto di Badacsony per arrivare alle salutari fonti di acque minerali di Kekkut. Le famose acque “Theodora Quelle” nascono proprio qui.

 

shutterstock_128030264

 

Sul punto più ad Ovest del lago troverete la cosiddetta “sorgente della salute”, il più grande lago naturale con acque termali curative del mondo. Poco lontano, a Keszthely, potrete visitare Palazzo Festetics, uno dei tre palazzi barocchi più imponenti d’Ungheria. Questa è anche la zona del Piccolo Balaton (Kis-Balaton), un paradiso naturalistico, unico e fortemente protetto, data la presenza di piante e animali in pericolo di estinzione, al quale potrete accedere solo se accompagnati da personale specializzato. La riserva di bufali e l’isola di Kányavár (Kányavár Sziget) presso il villaggio di Balatonmagyaród si possono, invece, visitare liberamente.

 

Sulle sponde a Sud quiete e tranquillità la fanno da padrone. Di giorno ci si crogiola al sole sugli attrezzatissimi lidi (dove è anche possibile noleggiare curiose barchette a remi a forma di cigno), oppure si percorrono in bicicletta le tante piste ciclabili o si va a pesca di tinche e carpe, e la sera ,poi, ci si sposta verso Siofok, la capitale del divertimento della zona dove ci si perderà fra i tantissimi locali vintage e gli innumerevoli Pub sparsi sulla spiaggia, dove, oltre a trovare prelibate pietanze a base di pesce lacustre, anche il ballare sui tavoli, si può dire, faccia parte del menù.

Tag:, , , , , ,