Lost in Tokyo, cosa vedere nella capitale giapponese

14 aprile, 2015 nessun commento


Share

Quando si decide di visitare il Giappone per la prima volta non sia ha la benché minima di idea di cosa aspettarsi. Quello nipponico è paese in continua evoluzione e avanti di due decenni rispetto all’Italia.n Tokyo poi è una città ad alto contenuto di stordimento. Modernissima ma con radici antiche e, ormai, nascoste dietro superstrade e grattacieli degni del Blade Runner di Scott. Per aiutarvi a non smarrirvi tra le luci al neon e il traffico impazzito della capitale giapponese, ecco alcuni suggerimenti su cosa vedere assolutamente, prima di rinchiudersi 8 ore in una mega sala giochi.

shutterstock_158206970

Iniziamo con un po’ di numeri: Tokyo ospita 12 milione di persone, quattro volte Roma per capirsi. Una vasta popolazione che ha a disposizione qualsiasi cosa si possa immaginare. A Tokyo troverete praticamente di tutto anche perché praticamente tutto arriva da qui, sopratutto nel campo dell’elettronica. Per conoscere bene i giapponesi però bisogna prenderli per la gola. Un luogo che dovrete visitare assolutamente è il mercato del pesce di Tsukiji, uno dei più organizzati al mondo. Qui la popolazione locale interagisce con l’alimento numero uno dell’isola: il pesce. Tonni, calamari e i famigerati pesci palla, che qui sono una prelibatezza costosissima e potenzialmente mortale. I giapponesi adorano mangiare il pesce crudo e si riuniscono in ristoranti sushi dove non è affatto facile entrare.

shutterstock_253190617

 

In quanto a festival Tokyo non è davvero seconda a nessuno. Da non perdere sicuramente l’Hanami, la festa dei ciliegi in fiore, tra fine marzo e aprile, e il Festival Tanabata, famoso per i grandiosi fuochi di artificio, che si tiene a luglio. L’ultima festività che davvero bisogna cercare di vedere è lo Shogatsu, o Capodanno Giapponese. Alla mezzanotte del 31 dicembre, i templi buddisti in tutto il Giappone suonano le campane per un totale di 108 rintocchi a simboleggiare i 108 peccati originali nella fede buddista, in modo da allontanare i 108 desideri mondani racchiusi nei sentimenti di ogni cittadino giapponese. I giapponesi credono che il suono delle campane possa perdonare i loro peccati compiuti nel corso dell’anno precedente. Dopo aver finito di suonare le campane, si festeggia con un banchetto a base di soba.

 

Da bravi turisti però a Tokyo ci sono attrazioni che non bisogna perdere per nessun motivo: il Museo Edo, il Palazzo Imperiale, i Giardini del Kokyo Gaien, il tempio buddista noto come Sensoji Temple, il più antico del Giappone, e il Museo Nazionale di Tokyo. Luoghi guardiani di una storia che, in una Tokyo in continua evoluzione, si fa sempre più difficile da scovare. Per gli amanti delle panoramiche mozzafiato è bene effettuare una visita al 45° piano del palazzo del Governo Metropolitano di Tokyo, dove sarà possibile osservare tutta la città e, foschia permettendo, il Monte Fuji.

 

Merita una passeggiata lo sfolgorante quartiere Shibuya, con la gioventù giapponese che vi stupirà con dei look usciti direttamente da un manga. Le tappe necessarie per gli amanti dello shopping invece sono l’Akihabara e l’Oriental Bazaar. Il primo offre qualsiasi tipo di merce, dai robot ai gadget ispirati ai cartoni animati, la seconda invece è il riferimento principale per i turisti ed ha una tradizione antichissima: fu fondato nel 1685, è diventato da subito un luogo di culto per i collezionisti di souvenir.

 

shutterstock_205274974

 

Tag:, ,