Rimini fiera: l’innovazione digitale anche nell’editoria con TTG Plus+

3 ottobre, 2016 nessun commento


Share

Per l´Osservatorio Digital Innovation del Politecnico di Milano sono 22 milioni gli italiani tra i 18 e 74 anni che accedono ogni mese a Internet da dispositivi mobili (Smartphone e Tablet), pari alla metà della popolazione di riferimento. E più del 70% del tempo trascorso giornalmente a navigare è legato a dispositivi mobili.
Un atteggiamento che si riflette sulla strategia editoriale di Rimini Fiera che lancia oggi TTG Plus+, l´informazione multipiattaforma di TTG Italia che coinvolge tutti i dispositivi su cui è presente la testata (desktop, mobile e tablet) e che apre ulteriori prospettive di crescita grazie alla Digital Edition del settimanale TTG, ora totalmente responsive che debutterà in settimana nella sua versione digitale da desktop, mobile e tablet e avrà come partner di lancio un player di primo piano, Amadeus. Il settimanale
shutterstock_173451509TTG Italia continuerà comunque ad arrivare anche in formato cartaceo agli abbonati.
TTG Italia da oltre 40 anni è leader nell´informazione giornalistica dedicata agli operatori del settore turistico, con tre prodotti: TTG Italia magazine raggiunge ogni settimana le scrivanie degli addetti ai lavori, TTGItalia.com (oltre 1 milione di utenti unici certificati Anes tramite iCsst Webauditing) è la riconosciuta agenzia di stampa del settore evolutasi nel magazine on line di notizie, approfondimenti, analisi e inchieste sul mondo del turismo; TTG Report raggiunge oltre 80 mila utenti, informandoli su tutti i fatti salienti del giorno.
Come spiega Remo Vangelista, direttore responsabile di TTG Italia: ´Da oggi, con TTG Plus+ disponiamo sul mobile di un sito dedicato e completamente rinnovato. Uno strumento snello, adatto alle esigenze di mobilità dei lettori, che avranno modo di accedere contemporaneamente alle notizie dell´agenzia stampa, ai blog ospitati sulla nostra piattaforma, a nuove rubriche . E che vedranno moltiplicate le possibilità di condivisione dei contenuti grazie a un più marcato investimento sul fronte dei social, con Facebook, Twitter, WhatsApp e LinkedIn in primo piano´.