A Roma Caravaggio e la rivoluzione della natura morta

17 novembre, 2016 nessun commento


Share

C’è anche un capolavoro assoluto come la ‘Canestra di frutta’, raro da vedere in mostra e prestito eccezionale della Pinacoteca Ambrosiana, nell’importante esposizione che dal 16 novembre al 19 febbraio racconta alla Galleria Borghese la rivoluzione di Caravaggio e la nascita della Natura morta, genere diventato tra i piu’ amati in pittura, e germinazione dell’arte moderna. Allestite circa 40 opere, tra cui il ‘Bacchino malato’ e il ‘Ragazzo con canestra di frutta’, alcuni dei più famosi dipinti del Merisi conservati alla Borghese, nonchè le tele del Maestro di Hartford, attribuite negli anni ’70 da Federico Zeri a un giovane Caravaggio, e la celeberrima ‘Fiasca spagliata con fiorì del Maestro della fiasca di Forlì, di suprema fattura, però ancora senza attribuzione certa, affiancata da un’inedita seconda versione. Con il titolo ‘L’origine della Natura morta in Italia.

Caravaggio e il Maestro di Hartford, la mostra (interamente realizzata dal museo romano) costituisce la prima occasione per ammirare una serie di opere non solo bellissime, ma fondamentali per la comprensione filologicamente corretta del processo concettuale che ha portato Michelangelo Merisi, appena giunto a Roma, a compiere fino in fondo una profonda trasformazione dell’arte del tempo partendo mostredal naturalismo lombardo. è proprio da lì che prende il via il percorso espositivo: dalla ‘Fruttivendolà di Vincenzo Campi (dalla Pinacoteca di Brera), dove ancora la figura umana è preponderante, da ‘L’ortolano’ di Giuseppe Arcimboldo, che è in realtà un tegame con le verdure rovesciato, e la prima Natura morta realizzata in Italia, vale a dire ‘Piatto metallico con pesche e foglie di vite’, dipinto in modo sublime tra il 1590 e il 1594 da Giovanni Antonio Figino, tanto da ispirare alcuni madrigali nel segno delle Vanitas. Ed ecco il ‘Bacchino malato’ e il ‘Ragazzo con canestra di frutta’, due dei Caravaggio della Borghese in cui i brani di Natura morta inseriti dal pittore nella scena fecero scalpore nella città eterna alla fine del ‘500. Si dice infatti che, una volta giunto a Roma, il Merisi trovasse posto nella bottega del Cavalier d’Arpino che l’avrebbe destinato a fare fiori e frutta. Per questo, quando Federico Zeri torno’ a studiare la raccolta di Scipione Borghese e a fianco dei due ritratti di giovane del Caravaggio, trovo’ le quattro grandi Nature morte del cosiddetto Maestro di Hartford, ipotizzò (non senza tumultuose polemiche) che anche queste ultime potessero essere tra le prime opere romane del genio lombardo. Grazie alla curatela di Davide Dotti e della direttrice del museo Anna Coliva, per la prima volta è possibile vedere le opere perfettamente affiancate, in un allestimento che rende lampante l’estrema diversità delle due mani: “piu’ secca e legnosa” quella dell’artista ancora sconosciuto, piena della poesia del naturalismo quella di Caravaggio.

Ad ogni modo, aggiunge Dotti, il Maestro di Hartford è il primo a dedicarsi interamente a questo genere, mentre il Merisi lo usa per fare la sua personalissima rivoluzione della pittura. Come è evidente nella ‘Canestra di fruttà dell’Ambrosiana, che troneggia a metà percorso. “Ha una monumentalità straordinaria, come se fosse una Madonna, ha l’identica dignità di una figura”, sottolinea la Coliva, spiegando che qui la Natura morta “non è un incidente, un topos, nè un banco di prova del talento del pittore”, bensì diventa “volontà d’arte”. Non a caso, lo stesso Caravaggio dice che per lui dipingere una figura o un frutto è la stessa cosa, “il valore di cio’ che fa è trasferito dal soggetto in questione alla pittura stessa”. L’arte, dunque, prosegue Anna Coliva, già per Michelangelo Merisi, “non riproduce semplicemente la realtà, ma è una sorta di mondo parallelo”, proprio come nelle concezioni delle prime Avanguardie storiche all’inizio del ‘900.

La mostra prosegue indugiando sui numerosi maestri che nel ‘600, in seguito alla lezione di Caravaggio, hanno dedicato parte della loro produzione al cosiddetto ‘Still Life’. Opere di grande importanza tra cui spicca la ‘Fiasca spagliata con fiorì del Maestro della fiasca di Forlì, attribuita anche al Cagnacci per la sua bellezza. Per l’occasione la tavola è stata sottoposta a indagini diagnostiche e si è visto che sotto lo strato di pittura c’era un ritratto preesistente. Forse il proprietario si era stancato di quel soggetto e ne ha voluto uno nuovo. Infine, il capolavoro dei Musei civici di Forlì è stato allestito accanto a una sua seconda versione, esposta qui per la prima volta, che conferma l’estrema maestria dell’autore. “Probabilmente – ha concluso la Coliva – si tratta di un importante pittore di figura che ha fatto solo qualche incursione nella Natura morta”.