Week-end al cinema

24 novembre, 2016 nessun commento


Share

In una settimana che sembra non avere un vincitore annunciato nella corsa al box office c’è spazio per una possibile programmazione articolata a disposizione del cinefilo, delle famiglie, dell’adolescente. Starà a ciascuno trovare il suo percorso anche se non c’è dubbio che con la memoria ancora marcata dall’elezione del nuovo presidente Usa desta curiosità il film “impegnato” e polemico di Oliver Stone sull’uomo che ha fatto di Wikileaks un fenomeno mondiale.

shutterstock_340176383
– SNOWDEN di Oliver Stone con Joeph Gordon-Levitt, Nicolas Cage, Melissa Leo, Zachary Quinto, Tom Wilkinson. Diventato quasi suo malgrado la spia del secolo, personaggio pubblico che oggi è costretto a vivere recluso in esilio, Edward Snowden è l’esperto informatico dell’intelligence americana che ha scoperchiato le corrispondenze segrete dei governi di mezzo mondo. Il regista-guerrigliero Stone ne traccia un ritratto vivido quanto appassionato. Visto alla Festa di Roma.
– 3 GENERATIONS: UNA FAMIGLIA QUASI PERFETTA di Gaby Dellal con Elle Fanning, Naomi Watts, Susan Sarandon, Tate Donovan. Una ricerca d’identità tutta al femminile per Ray. Maggie e Dolly. La prima è una ragazza che sta maturando la convinzione di voler mutare il suo sesso per diventare un maschio; la seconda è sua madre, smarrita e a sua volta alla ricerca di conferme come donna e come mamma; la terza è la nonna, sorprendentemente lesbica convinta e proprio per questo in forte dissenso con le scelte della nipote. Il tono brioso è quello tipico di certa commedia americana non troppo politicamente corretta, ma i temi sono trattati con una consapevolezza e una complicità tutta al femminile che ben si attaglia alle tre attrici protagoniste.
– COME DIVENTARE GRANDI NONOSTANTE I GENITORI di Luca Lucini, con Margherita Buy, Giovanna Mezzogiorno, Matthew Modine, Ninni Bruschetta, Roberto Citran. Guerra di idee educative tra una preside poco sensibile al nuovo, i suoi allievi di un liceo e i loro genitori. Al centro del racconto c’è una nuova generazione di adolescenti, ma la scena si sposta in Italia e mette all’indice il difficile rapporto che nella scuola si instaura tra docenti e genitori. Gli uni preoccupati di affermare un’idea di formazione, gli altri impegnati a difendere comunque i figli. In mezzo ci sono i ragazzi che nel caso specifico vedono il loro sogno di partecipare a un contest musicale frustrato dalla nuova preside. Si metteranno contro tutti pur di scommettere sul proprio talento. Lucini si mette al servizio di un tema attuale trattato col piglio della commedia generazionale.
– LA CENA DI NATALE di Marco Ponti con Riccardo Scamarcio, Laura Chiatti, Michele Placido e Veronica Pivetti. Dal romanzo di Luca Bianchini nuove avventure per Matilde, irrequieta padrona di casa in cerca di affermazione sociale e i suoi convitati per il cenone delle feste. Sedotta dal marito che finalmente le ha comprato un anello di valore, la donna vuole dare un gran cenone per sfoggiare la ricchezza della casa davanti a parenti e amici. Ma i convitati si portano dietro un fardello di problemi e di sottintesi che, nello schema più classico della commedia, sono pronti ad esplodere quando tutti sono riuniti allo stesso tavolo. Scamarcio e Chiatti sono adulti e quindi si cimentano con personaggi adeguati alla loro età.
– MECHANIC RESURRECTION di Dennis Gansel con Jason Statham, Jessica Alba, Tommy Lee Jones. Il killer più temuto dell’ultima generazione, il “meccanico” Arthur Bishop si vorrebbe ritirare a vita privata, ma è costretto dai suoi ex datori di lavoro a un’ultima missione: accoppare gli uomini più pericolosi del mondo senza lasciare in mano all’FBI la sua inconfondibile traccia, un pericoloso marchio di fabbrica”¦

Escono anche: il cubano CONDOTTA di Ernesto Daranas sull’insegnamento vissuto come vocazione dall’intrepida professoressa Carmela; il pirandelliano IL CITTADINO ILLUSTRE degli argentini Gaston Duprat e Mariano Cohn visto al Torino Film Festival; il bel documentario di Francesco Munzi sugli 80 anni del Centro di Cinematografia. IL PIÙ GRANDE SOGNO, applaudito alla Mostra di Venezia; l’emozionante MONTE dell’iraniano Amir Naderi, da molto tempo diventato cittadino del mondo e qui alla sua prima opera realizzata grazie a un produttore italiano con Andrea Sartoretti protagonista; il fumetto-feticcio degli adolescenti giapponesi ONE PIECE GOLD che iniventa film grazie alla regia di Hiroaki Miyamoto; l’altro cartoon per famiglie del week end ovvero il francese PALLE DI NEVE – SNOWTIME di Jean-Franois Poulot e Franois Brisson; ma soprattutto il formidabile documentario di Morgan Neville YO YO MA E I MUSICISTI SULLA VIA DELLA SETA che pedina i percorsi di viaggio di alcuni tra i musicisti del grande Silk Road Ensemble.