Irlanda: alla scoperta dell’arte a Belfast

30 marzo, 2017 nessun commento


Share

Un tour alla scoperta dei famosi murales della città, è l’ideale per avere una panoramica sulle diverse culture e tradizioni che hanno forgiato l’Irlanda del Nord ed è da non perdere, in una visita alla città.

I tour proposti utilizzano, come mezzo di trasporto, i caratteristici taxi neri della città e guide locali vi racconteranno la storia e le connotazioni politiche che ogni opera illustra.

Sebbene molti dei murales abbiano una connotazione strettamente politica e si riferiscano al conflitto nordirlandese, i più recenti celebrano invece le grandi personalità della città come il calciatore George Best e lo scrittore C S Lewis.

Anche la storia del Titanic – della cui costruzione la città vanta con orgoglio la paternità – trova posto nelle immagini presenti su vari muri a timpano, vicino ai cantieri navali dove il famoso transatlantico fu costruito.

Se la “street art” è sempre stata parte della più intima espressione della città, negli anni recenti è letteralmente sbocciata grazie ad alcuni artisti locali e alla Seedhead Arts, associazione che organizza, annualmente a settembre, uno Street Art Festival, noto come Hit the North.

Hit the North si svolge nell’animata zona di Cathedral Quarter, diventata ormai un vero e proprio polo di arte contemporanea di strada, alla pari con molte altre importanti città del mondo.

Il festival richiama oltre 30 artisti internazionali pronti a decorare altri scorci di Belfast e a discutere del significato e degli obiettivi della street art.

Un’altra opportunità per godere in qualsiasi momento dell’anno della nuova “wall art” di Belfast, è di partecipare ad uno “street walking tour”, ideato e condotto da artisti che hanno guidato la recente scena locale di arte di strada. Il tour dura due ore ed illustra il significato, le tecniche e il dietro le quinte, delle opere e dei loro creatori.

La recente arte di strada di Belfast è caratterizzata da un misto di stili e soggetti attinti dalla mitologia, fra i personaggi dei fumetti, dal mondo animale e dalla storia.

Fra le opere più ammirate, ricordiamo ’The Duel of Belfast, Dance by Candlelight’: dipinto in bianco e nero da Conor Harrington, adorna il lato del Black Box Theatre.

Molto apprezzate sono anche il colorato paesaggio urbano piovoso ‘Blurry Eyed’ di Dan Kitchener’ e ‘The Son of Protagoras’, dell’artista internazionale MTO. Entrambe le opere si trovano su Talbot Street.