Lago di Costanza: gli appuntamenti del 2017

23 marzo, 2017 nessun commento


Share

Una natura rigogliosa e bellissima tra lago e montagne, di cui un fiore all’occhiello è la meravigliosa Isola di Mainau, che presenta il tema (Island X Palm Tree)2 – tra botanica e matematica. Tradizioni di eccellenza, nella tecnica – e i voli in dirigibile in partenza da Friedrichshafen, che festeggiano 20 anni di attività, ne sono un esempio – e nell’arte del pizzo, vanto di San Gallo. Un paesaggio percorso da chilometri di piste ciclabili, come la Donau Bodensee Radweg, che compie 40 anni nel 2017; gli appuntamenti culturali e musicali del Liechtenstein, e un invito all’Island Hopping con partenza da Costanza sono alcuni degli appuntamenti salienti del 2017 nella Regione Internazionale del Bodensee.

Tra numeri e botanica: l’universo matematico dell’Isola di Mainau

Con il tema dell’anno 2017 (Island X Palm Tree) i visitatori dell’Isola di Mainau partiranno alla scoperta della stretta correlazione che c’è tra natura e matematica, sotto molti punti di vista. Nel parco e nei suoi magnifici giardini si manifestano precise configurazioni numeriche e geometriche nelle forme – sfere, prismi ed esagoni – che si possono trovare in natura. Diverse stazioni lungo i differenti percorsi informano i visitatori sui numeri-record del mondo vegetale, e raccontano di famosi matematici e delle loro teorie sulla natura. E anche la gastronomia non è da meno: gli chef dei diversi ristoranti dell’isola si ispireranno al tema durante tutto il corso dell’anno, proponendo menù stagionali e drink coordinati di un solo colore, dettato anch’esso dalle leggi matematiche. Per ulteriori informazioni sull’Isola di Mainau e sull’anno tematico 2017: www.mainau.de

Vent’anni di voli in dirigibile Zeppelin NT a Friedrichshafen

Friedrichshafen, città del volo: i dirigibili Zeppelin, che fino agli anni trenta sorvolavano i cieli del mondo, sono nati sul lago di Costanza. Da vent’anni, la Zeppelin NT ripropone nuovi voli in dirigibile sul Bodensee e sopra le Alpi circostanti: dal settembre 1997 ad oggi la società ha trasportato in volo 230.000 passeggeri. La mostra “Culto! Leggende, star e icone” (02.06. – 15.10.2017) presso lo Zeppelin Museum celebrerà il mito dello Zeppelin, riflettendo anche in generale sul ruolo delle realtà di culto nell’arte contemporanea. Il museo è, del resto, tutto dedicato alla storia dei transatlantici dell’aria, e in particolare al destino dell’LZ 129 Hindenburg, che prese fuoco sui cieli di Lakehurst, USA, il 6 maggio del 1937 – con tanto di cimeli, immagini e la riproduzione degli arredi del dirigibile e del suo ultimo viaggio. L’avveniristico Museum Dornier è un ulteriore gioiello di Friedrichshafen – qui viene raccontata la storia dell’aviazione e dell’impresa aerospaziale, e fino al 18 giugno 2017 sarà possibile visitare la mostra “Star Trek – Science & Fiction”, con oggetti e testimonianze della serie più “cult” dell’universo.

Oggi come allora, un volo in dirigibile è un’esperienza unica – poco dopo la partenza si raggiungono i 300 metri di altezza e si veleggia nell’aria, mentre i passeggeri sono liberi di muoversi a bordo. Le macchine di oggi dispongono però di cabine molto più piccole – con spazio per 12 o 14 passeggeri –  e sono molto più sicure. Alla Zeppelin NT è inoltre possibile una visita dell’hangar.

San Gallo: percorsi alla scoperta di pizzi e merletti

San Gallo è conosciuta nel mondo per le sue stoffe preziose e per i suoi pizzi – quelli dell’abito da sposa di Amal Clooney, ad esempio, provenivano proprio alla metropoli svizzera della moda. A piedi, in bus oppure con l’auto: la storia tessile del Canton San Gallo si scopre a seconda delle proprie, personali, preferenze. Un itinerario del tessile conduce, per 5 chilometri nel centro di San Gallo, lungo le tappe più importanti di questo pezzo della tradizione cittadina – con stazioni, ad esempio, presso un’antica fabbrica di pizzi ed una tintoria. Il “Textiland Classic Tour” inizia presso il Museo Tessile di San Gallo, per raggiungere con un vecchio postale il Saurer Museum ad Arbon, che racconta la meccanicizzazione del cucire, e con la nave il Forum Würth a Rorschach, in visita alla Swiss Textile Collection. Due percorsi tematici da fare in auto, poi, il Textilland Explorer Nord e il Textilland Explorer Süd, conducono alla scoperta delle fabbriche tessili locali e delle specialità regionali.

Voglia di immergersi ancora di più nel tema tessile? L’Ente del Turismo San Gallo-Bodensee è lieto di consigliare i visitatori sui ristoranti della regione che offrono un menù ispirato al tema del tessile, e sugli hotel dove camere e spazi sono arredati con tessuti di rinomate ditte dell’area.

La bella estate del Liechtenstein
Nel principato del Liechtenstein natura e cultura sono complementari: il Paese offre 400 chilometri di sentieri, da quelli più semplici ai percorsi per esperti, e vanta un’ampia offerta culturale – con Musei di fama come il Kunstmuseum Liechtenstein e la Hilti Art Foundation. Per quest’estate non mancano, poi, i festival e gli appuntamenti musicali: un highlight per gli amanti della classica è il nuovo “Festival Vaduz Classic”, 2017, che ospiterà la star fra i violinisti David Garrett (24. – 27.08.2017). Altri appuntamenti  sono i “Liechtensteiner Gitarrentage”, le giornate dedicate al virtuosismo della chitarra – che si tratti di classica, flamenco o folkmusik (08. – 15.07.2017;  il “Jazz und Blues im Hof”, con le serate a cielo aperto dedicate al jazz und Blues, Britpop e Pop, nei mesi di giugno, luglio e agosto, e il Liechtenstein-Festival a Schaan, tutti gli anni all’inizio di luglio – per due notti di arte, musica e cultura.

Dai ristoranti stellati alle proposte tradizionali e genuine dei rifugi di montagna, una visita del Principato non è completa senza qualche assaggio e degustazione – ad esempio del piatto nazionale, gli gnocchetti al formaggio Käseknöpfle, dei vini della Valle del Reno, delle grappe fruttate o dei whisky locali.

Island Hopping a… Costanza

Island Hopping i Tropici…ma anche sul lago. Da Costanza è facile e semplicissimo partire alla scoperta delle isole del Bodensee, per tornare poi a sera alla base o, eventualmente, anche pernottarvi. Mainau, l’Isola dei Fiori, si raggiunge da Costanza comodamente in bus o in nave, così come Reichenau – famosa per le sue chiese romaniche patrimonio UNESCO, ma anche per la pregiatissima verdura e i vigneti. Sull’Isola è possibile anche pernottare. Alla città-isola di Lindau si arriva da Costanza via nave; una visita include una passeggiata fra le viuzze tardo medievali e rinascimentale, il tour del porto e una piacevole pausa nei caffè all’aperto. Ma ci sono anche delle gemme nascoste – come l’Isola degli Amanti, di fronte alla penisola di Höri, dove fu girato il classico “la pescatrice del Bodensee”; o quella dove si trova, oggi, lo Steigenberger Island Hotel, a Costanza: un tempo monastero domenicano, è anche il luogo dove durante il concilio di Costanza fu imprigionato Jan Hus prima di essere processato e condannato al rogo.

Isole di Fede: nel quinquennio 2014 – 2018 Costanza celebra i 600 anni dal Concilio di Costanza. Nel 2017 si ricorda, in particolare, l’unico Papa eletto i terra tedesca, Martino V. In città, mostre a tema, eventi e manifestazioni.

40 anni della ciclabile Danubio – Lago di Costanza

E’ stata inaugurata nel 1977, attraversa 153 km fra i paesaggi più belli dell’Alta Svevia e compie quest’anno i suoi primi 40 anni. La ciclabile Danubio – Lago di Costanza è, a tratti, impegnativa e richiede un po’ di allenamento – ma ricompensa i ciclisti con fantastiche vedute sulle Alpi, borghi da fiaba, natura incontaminata, castelli e conventi barocchi. La ciclabile parte da Ulm e termina a Kressbronn sul Bodensee.