150 anni di storia della Società Geografica Italiana

13 aprile, 2017 nessun commento


Share

 

La Società Geografica Italiana compie 150 anni e celebra questo importante anniversario il giorno martedì 16 maggio2017, con il Convegno Internazionale alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella presso la sede sociale di Palazzetto Mattei a Villa Celimontana.

L’evento principale, realizzato sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, sul tema “La rete delle Società Geografiche per le nuove esplorazioni del mondo” vedrà l’intervento di numerosi rappresentanti del mondo istituzionale, universitario, scientifico e sarà animato dalle delegazioni delle Società Geografiche sorelle, operative in tutto il Mondo.

Il Convegno, che in apertura vedrà anche la presenza di Dario Franceschini – Ministro per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo e Valeria Fedeli – Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, sarà un’importante occasione per riconsiderare il ruolo delle Società Geografiche nell’attuale tornante storico che è segnato dai processi di globalizzazione e di ristrutturazione complessiva degli spazi terrestri. In particolare, verrà focalizzata la rilevanza dell’indagine scientifica di matrice geografica nel contesto della evoluzione della ricerca e degli studi, così come non sarà trascurata la necessità di lavorare attorno alla costituzione di una rete permanente tra i sodalizi geografici nazionali.

Al convegno Internazionale seguiranno una serie di iniziative finalizzate a celebrare la storia e rileggerne i principali passaggi alla luce delle più recenti acquisizioni di fonti, dei rinnovati obiettivi di conoscenza di un mondo in rapida trasformazione e della collocazione dell’Italia in tale contesto.

In calendario troviamo dunque: una mostra itinerante “La geografia di una storia. La Società Geografica Italiana in 150 anni di storia italiana tra ricerca scientifica, diffusione culturale e impegno sociale”, che sarà realizzata sia a Roma che a Firenze; le attività seminariali con una serie di incontri che vedranno confrontarsi personaggi del mondo politico e scientifico-culturale; il XXXII Congresso Geografico Italiano, promosso dall’Associazione dei Geografi Italiani, che si svolgerà presso la Scuola di Lettere Filosofia Lingue dell’Università Roma Tre, dal 7 al 9 giugno 2017.

 

UN PO’ DI STORIA…

Fondata a Firenze nel 1867, promuove la conoscenza geografica e sostiene la sua applicazione alle tematiche ambientali, politiche e sociali. Trasferita nel 1872 a Roma, dal 1924 ha sede presso il cinquecentesco Palazzetto Mattei in Villa Celimontana, a due passi dal Colosseo. Fin dalla nascita, la Società organizzò e patrocinò spedizioni e viaggi di scoperta in Asia Centrale, Africa, Sudamerica e Regioni Polari. L’attività di esplorazione, spesso connessa alla politica coloniale italiana, fu abbandonata dopo la seconda guerra mondiale.

Da allora la Società Geografica Italiana opera sotto l’egida del MIBACT, come istituto culturale di rilievo nazionale e come ente di ricerca. ONLUS dal 2007, è un ente internazionalistico, riconosciuto dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, associazione ambientalista e istituto accreditato presso il MIUR per la formazione e l’aggiornamento del personale docente. Per quel che concerne la collaborazione con le organizzazioni internazionali operanti in settori affini, la Società collabora con ICCROM, UNESCO-DESS, UNICEF e DGCS-ONU.

La Società Geografica Italiana svolge un’intensa attività di ricerca geografica e di divulgazione attraverso iniziative editoriali, mostre, convegni ed escursioni scientifico-culturali, il cui calendario è costantemente in aggiornamento sul sito www.societageografica.it.

IL FESTIVAL DELLA LETTERATURA DI VIAGGIO

Dal 2008 realizza, tra l’altro, con cadenza annuale, il Festival della Letteratura di Viaggio, una manifestazione dedicata al racconto del mondo attraverso diverse forme di narrazione del viaggio, di luoghi e di culture. Quest’anno la decima edizione del Festival si svolgerà dal 21 al 24 settembre 2017.

IL PATRIMONIO 

Nelle collezioni della Società Geografica Italiana sono raccolti documenti e materiali originali connessi alle attività della Società o di insigni personaggi ad essa collegati, esploratori, viaggiatori, geografi, uomini di scienza, di cultura e diplomatici. La Biblioteca possiede circa 400.000 volumi e oltre 2.000 periodici, che ne fanno la raccolta documentaria specializzata più importante d’Italia e una delle più cospicue d’Europa. Il Fondo Antico custodisce migliaia di volumi, oltre a centinaia di atlanti che vanno dal Quattrocento all’Ottocento. La Cartoteca raccoglie circa 200.000 carte geografiche. La sezione Rari comprende oltre 200 documenti cartografici, tra antichi e rari, dal XV al XIX secolo. Di rilevante interesse è la raccolta di carte geografiche cinesi e giapponesi, appartenenti prevalentemente ai secoli XVIII e XIX, quasi tutte manoscritte. L’Archivio storico conserva e tramanda la memoria dell’attività della Società dalla sua fondazione. Esso custodisce la preziosa documentazione sulla storia dell’Istituto e migliaia di lettere, disegni e taccuini di viaggio. L’Archivio fotografico conserva oltre 400.000 fototipi (positivi, negativi, diapositive e cartoline d’epoca), materiali rari, spesso inediti che documentano luoghi, genti e paesaggi di quasi tutte le regioni della terra.

PORTE APERTE IN SOCIETÀ GEOGRAFICA 

La Società Geografica Italiana organizza, in occasione dei suoi 150 anni, visite guidate della sua sede nello storico Palazzetto Mattei, del XVI secolo, in Villa Celimontana, con esposizione di carte geografiche, materiali d’archivio, libri antichi e fotografie. Le visite si ripeteranno per una volta al mese nell’arco di tutto il 150°, per gruppi di massimo 30 persone e su prenotazione.