Londra a misura di bambino

18 maggio, 2017 nessun commento


Share

Londra è una sorpresa continua, una città in cui tutti, grandi e piccini, possono trovare la propria dimensione e farsi trasportare dalla bellezza e dalla magia di un luogo dalle mille meravigliose facce. Local Freddie, l’app che permette di visitare Londra à la carte accompagnati da persone del posto, propone tour per tutti i gusti e tutte le età e non poteva di certo non pensare a speciali baby-tour per far scoprire Londra da una prospettiva non comune anche ai bambini.

Con Local Freddie dimenticate i tradizionali tragitti turistici e partite alla scoperta di una Londra non comune per vivere un’esperienza fuori dagli schemi, in cui a fare da guida è un “local”, pronto a soddisfare con proposte ad hoc le esigenze, i gusti e le passioni personali di tutti, grandi e piccini.

Accompagnati dalle guide locali di Local Freddie, i freddie appunto, anche i bambini potranno vivere un’esperienza unica in una Londra dall’atmosfera fiabesca e scoprire luoghi incantati all’insegna della meraviglia e del puro divertimento.

Ispirazioni letterarie
La giovane freddie Chantal propone di seguire le tracce lasciate in città da diversi autori per l’infanzia.
Il nome Roald Dahl potrebbe di primo acchito non richiamare nulla alla mente, ma provate a nominare ai bambini “Charlie e la fabbrica di cioccolato” o “Matilda” e vedrete accendersi nei loro occhi la scintilla della curiosità! Mr. Dahl era molto goloso di cioccolata e il suo amore per i tartufi al cioccolato di Prestat non è un mistero per nessuno: in zona Piccadilly, al 14 di Prince Arcade, si possono acquistare le bellissime confezioni-gioiello della cioccolateria. In alternativa, in zona Sloane Square, al 186 di Pavillion Road, ci si può accomodare nel pittoresco caffè e, mentre i grandi si deliziano con cioccolata e dolci di ogni genere, i piccoli possono raccontare alla giovane Chantal del loro libro preferito o ascoltarla mentre legge qualche passaggio dei libri dell’autore. Inoltre, con l’aiuto della freddie, è possibile anche prenotare i biglietti per il musical ispirato al racconto di Matilda, in scena al Cambridge Theatre.


Harry Potter è un altro tra i personaggi più amati della letteratura inglese e Chantal propone un’inedita scoperta delle location londinesi legate alla storia del maghetto più famoso di Hogwarts.
Hardy’s Original Sweet, ad esempio, è un dolce paradiso dove si possono trovare gelatine di tutti i gusti e dove, naturalmente, non possono mancare le delizie ispirate ad Hogwarts e Cecil Court, una piccola stradina, dietro l’affollata Leicester Square, che ha ispirato J.K. Rowling nella creazione della famosa Diagon Alley, la strada magica a cui si accede dando un colpetto ai giusti mattoni del muro dietro il Paiolo Magico. Ideale per adulti e bambini, quest’oasi pedonale nel cuore di Soho, è un luogo incantato anche per lettori e appassionati bibliofili, è la via delle librerie per eccellenza, una strada di pochi metri in cui scovare ogni sorta di libro raro, persino antiche edizioni autografate di classici per l’infanzia.
In King’s Cross Station, nel quartiere di Camden Town, è invece possibile farsi fotografare mentre si “attraversa” il binario 9 ¾, il binario immaginario visibile solo ai maghi dal quale parte l’Hogwarts Express, il treno che conduce alla scuola di magia di Hogwarts. Di solito c’è un po’ di coda ma la fotografia che i piccoli maghetti e le piccole streghette potranno scattare sarà una ricompensa senza prezzo e un ricordo che rimarrà indelebile nella loro memoria!

Musei interattivi
La freddie Annie segnala che il Victoria&Albert Museum ha un distaccamento in Bethnal Green interamente dedicato all’infanzia, che nasce dal desiderio dei suoi fondatori di raccontare a tutti il mondo dei bambini. Al suo interno vi si trovano collezioni di bambole, interi guardaroba usati in passato per i neonati, una vastissima sezione dedicata ai giochi e numerose esposizioni temporanee. Largo spazio anche a laboratori e installazioni-gioco interattive alle quali non si può proprio resistere. E ancora, attività didattiche e percorsi interattivi studiati su misura per il giovane pubblico, aree gioco e book corner con storytelling gratuiti.

Divertimento all’aria aperta
Il freddie torinese Alessandro suggerisce una visita con i più piccoli ai Kew Gardens, non lontani dal centro di Londra, per una passeggiata “tra le cime degli alberi”: a 18 metri di altezza è, infatti, possibile percorrere oltre 200 metri di passeggiata sospesa. I giardini offrono anche una splendida serra Vittoriana, un acquario, il “The Hive”, l’alveare esposto a Expo Milano 2015, e un divertente parco giochi per bambini chiamato “Climbers and Creepers”. Quest’ultimo, in particolare, è un parco botanico interattivo in cui le piante sono ricostruite in una dimensione gigante che invita i bambini a scoprire il mondo vegetale da un punto di vista molto singolare, quello degli insetti. L’unico rischio che si corre è essere mangiati da una finta pianta carnivora, ma anche questa è un’esperienza che i piccoli esploratori adoreranno!


Il London Wetland, vicinissimo alla fermata metropolitana di Hammersmith, è un’altra oasi acquatica con laghetti e percorsi che offre attività di esplorazione e osservazione di animali selvatici, che proprio non ci si aspetta di vedere nel centro di Londra!
Ancora carichi di energie? Perché non regalare allora ai piccoli esploratori lezioni di parkour o di trapezio? Parkour Generations organizza in diversi punti della città lezioni settimanali di parkour per ragazzi dai 7 ai 15 anni, mentre il National Centre for Circus Arts propone workshop quotidiani dalle 14.30 alle 17.45 a ragazzi dagli 8 ai 16 anni.