I borghi più belli d’Italia in festa per La Notte Romantica

14 giugno, 2017 nessun commento


Share

Auto d’epoca, mongolfiere, mostre, spettacoli e giochi. Da Romeo e Giulietta al Palazzo del Podestà di Lovere, in Lombardia, fino alle gare di poesie al castelli di Pico nel frusinate, i 200 borghi più belli d’Italia tornano in grande stile per la seconda edizione de La Notte Romantica.

L’appuntamento è per il 24 giugno tra rocche, vicoli, piazze e fortezze per grande festa per il solstizio d’estate in nome dell’amore e della bellezza.

”Lo scorso anno – racconta il presidente dell’Associazione, Fiorello Primi – un milione di persone ha festeggiato con noi, con 5-6 mila pasti serviti. Sulla pagina Instagram sono state taggate 6 mila immagini, più di mille proprio durante la festa”. In tutto ”sei milioni di visualizzazioni, soprattutto in Italia e negli Stati Uniti – prosegue – A differenza delle Notti bianche poi, noi da subito abbiamo impostato la festa già dalla cena, con menù particolari. Quest’anno fil rouge comune sarà il debutto del dolce Pensiero d’amore dello chef Porzia Vitali”.

Il tema più declinato, quello degli innamorati di Shakespeare, darà spettacolo tra perfomance e flash mob. Ma tra note e candele, ecco anche l’amore al cinema, con le più belle scene proiettate su corti e palazzi storici. E c’è anche chi come il Borgo di Castelsardo (SS) metterà alla prova matrimoni e fidanzamenti con
una sfida di coppia a suon di sfere sull’acqua. O Atzara (NU), che ha in serbo un Gioco dell’oca vivente a tema romantico nelle piazze del paese.

Con una piccola anteprima in alcuni borghi già il 21 giugno per il Festival europeo della musica, torna poi il Contest Instagram #BorgoRomantico2017 e il Concorso di Poesia. E quest’anno La Notte Romantica de I borghi più belli d’Italia si svolgerà contemporaneamente anche in Spagna e in Belgio, grazie all’adesione di due associazioni analoghe come Les plus beaux villages de Wallonie e Los Pueblos Mas bonito de Espana. Intanto, all’estero si guarda anche per il futuro. ”Fondamentale sarebbe divulgare il concetto di ‘Borgo’, farlo diventare una parola internazionale come ‘pizza’ – prosegue Primi – E investire soprattutto nei paesi extra-europei come Usa, Giappone, Cina, spiegar loro cosa sono e come ci si vive. Noi intanto”, oltre al tour operator con pacchetti ‘pronti’ ”ci stiamo preparando anche per l’Expo in Kazakistan, inviando 15-20 mila brochure”. ”Questo è ufficialmente l’anno dei borghi – commenta il direttore esecutivo dell’Enit, Giovanni Bastianelli – ma ho già capito che lo sarà anche il prossimo, dedicato dal Ministero al cibo. Stiamo promuovendo tutto ciò che ci rende unici e migliori al mondo – prosegue, citando le campagne da Londra all’Argentina – e già solo da metà gennaio l’hasthag creato per i Borghi #italianvillages ha avuto 64 milioni di impression sulle nostre pagine social”.

Tutte le info su www.borghipiubelliditalia.it

ANSA