Mostre: da Magister Giotto agli scatti di Fontana

13 luglio, 2017 nessun commento


Share

A Venezia un percorso di alto impatto spettacolare che tra arte, musica, parola e tecnologia celebra il genio di Giotto, a Pistoia il primo approfondimento espositivo su Marino Marini, fotografato da Aurelio Amendola, che anticipa la grande retrospettiva di metà settembre dedicata al maestro toscano: queste le mostre di maggior rilievo che si aprono nel week end. Che vede anche a Torino una selezione di scatti di Franco Fontana tra paesaggio e colore.
VENEZIA – Arte, musica, parola e tecnologia celebrano il genio di Giotto nei 750 anni dalla nascita con una grande mostra allestita da domani al 5 novembre negli spazi monumentali della Scuola Grande della Misericordia. Si tratta della prima delle tre esposizioni che compongono la trilogia Magister, dedicata ai piu’ celebrati maestri dell’arte italiana, che nell’estate del 2018 racconterà Canova e il Neoclassico e nel 2019 Raffaello Sanzio. All’inizio del percorso, il visitatore, accompagnato dalla voce narrante di Luca Zingaretti, viene accolto nell’immensa navata d’ingresso dall’imponente Croce del Presepe Greccio, ricostruita, su ispirazione di quella dell’affresco, come una installazione spiritualmente tridimensionale, e prosegue al primo piano nella sequenza di sette ambienti di grande impatto, realizzati con una speciale architettura tessile. Le storie francescane di Assisi, la Cappella degli Scrovegni di Padova, i maestosi Crocifissi e le altre opere del Maestro realizzate a Firenze sono invece alla base dell’impianto narrativo, che si conclude riproponendo un evento contemporaneo, quella Missione Giotto, realizzata nel 1986 dall’Agenzia Spaziale Europea, in cui è stata intercettata la Cometa di Halley, dipinta nell’Adorazione dei Magi degli Scrovegni.
PISTOIA – In attesa della grande retrospettiva dedicata al genio di Marino Marini (dal 16 settembre a Palazzo Fabroni), la città natale del maestro da il via a una serie di importanti approfondimenti con la rassegna ‘Marino nell’immagine di Aurelio Amendola (1968-1975)’, allestita dal 16 luglio al 10 settembre negli spazi di Palazzo Tau. La mostra vuole proporre un originale ricordo dello scultore attraverso le intense immagini che il ‘fotografo degli artisti’, Aurelio Amendola, gli ha dedicato. Una doppia mostra, in realtà, che non solo illustra magistralmente il lavoro e la quotidianità di Marino Marini, ma costituisce altresi’ una significativa pagina di fotografia, dato che Amendola, come pochi, ha saputo raccontare l’arte, e la scultura in particolare. Si tratta dunque di un incontro tra due maestri, il cui risultato sono scatti dalla grande potenza evocativa.
TORINO – Nella Corte Medievale di Palazzo Madama, da domani al 23 ottobre sono esposti gli scatti di Franco Fontana nella rassegna dal titolo ‘Paesaggi’. La mostra rende omaggio al celebre fotografo modenese attraverso 25 immagini di grande formato (dalla UniCredit Art Collection) mettendo al centro del percorso il colore, inteso come rivelazione, come fondamento di poetica, come linguaggio assoluto attraverso il quale passa ogni possibilità’ di espressione. Questo è, sin dagli esordi, il fondamento della poetica di Fontana, maestro di una fotografia di paesaggio intimamente e profondamente anti-naturalistica e anti-documentaristica, paradosso questo che da sempre ne rappresenta la caratteristica primaria.