Teatro, in scena Garko, Pagliai e Germano

5 ottobre, 2017 nessun commento


Share

Gabriel Garko con Ugo Pagliai in ‘Odio Amleto’ e Benedicta Boccoli e Maximilian Nisi in ‘Fiore di cactus’, a Roma; i ‘Segreti di famiglia’ di Enrico Luttmann per Viviana Toniolo e Stefano Messina, ancora nella  capitale, e Franco Branciaroli-Medea, a Pesaro; Anna Bonaiuto, Manuela Mandracchia e Vanessa Gravina ne ‘Le serve’ di Genet e ‘Flashdance’, a Milano; fino a Elio Germano nel ‘Viaggio al termine della notte’ di Ce’line a Bologna: sono alcuni degli spettacoli teatrali in cartellone nel prossimo week end.

ROMA – Un divo come Gabriel Garko a tu per tu con un mattatore della scena come Ugo Pagliai. Alla Sala Umberto e’ di scena ‘Odio Amleto’, commedia di Paul Rudnick, per la regia di Alessandro Benvenuti, con la partecipazione straordinaria di Paola Gassman. Protagonista, una star del piccolo schermo che, per rifarsi un look da attore impegnato, accetta di interpretare a teatro il personaggio shakespeariano per antonomasia. Ma ecco che si ritrova davanti il fantasma del leggendario attore John Barrymore, che quel ruolo lo ha interpretato conquistando l’Olimpo degli attori. Con Claudia Tosoni, Annalisa Favetti, Guglielmo Favilla. Fino al 15 ottobre.

ROMA – Grazia ha un caratteraccio. Grazia ha un senso dello humour caustico. Grazia vuole fare le cose a modo suo. Grazia ha molti segreti che il figlio Adamo ignora: una scatola di lettere nascosta in cantina, un tubino nero alla Audrey Hepburn mai indossato, e l’ultimo, il piu’ grande, Grazia ha un tumore ai polmoni. E’ ‘Segreti di famiglia’, commedia e ritratto di una donna tenace e irresistibile, firmata da Enrico Luttmann, ad aprire in prima nazionale la stagione del Teatro Vittoria, con Viviana Toniolo e Stefano Messina protagonisti. Al Teatro della Cometa, invece Benedicta Boccoli e Maximilian Nisi debuttano questa sera in ‘Fiore di cactus’, piece di Pierre Barillet e Jean-Pierre Gre’dy, diventata un celebre film con Walter Matthau e Ingrid Bergman. Regia di Piergiorgio Piccoli e Aristide Genovese. Fino al 15 ottobre; e dal 4 al 22 ottobre.

PESARO – Pietra miliare della storia registica del teatro italiano. E grande prova interpretativa, vent’anni dopo. Franco Branciaroli riallestisce la storica Medea diretta da Luca Ronconi nel ’96, di cui egli stesso fu protagonista nei panni femminili dell’eroina tragica di Euripide. Al Teatro Rossini, da domani, l’epopea della principessa della Colchide, prototipo del minaccioso impersonato da uno straniero, che approda in una terra che si vanta di avere il primato della civilta’. Dal 5 al 7 ottobre.

MILANO – Due sorelle, Claire e Solange, serve dall’aspetto inquietante. E un rapporto di amore e odio con la bella Madame. Ogni sera, quando la signora non c’e’, le due allestiscono un ossessivo teatrino in cui a turno giocano ‘a fare Madame’, indossando i suoi abiti. Una favola noir che termina sempre con
l’uccisione della padrona. Anna Bonaiuto, Manuela Mandracchia e Vanessa Gravina sono al Piccolo Teatro Grassi con ‘Le serve’, una delle opere piu’ famose di Jean Genet, scritta nel 1947 e ispirata a un evento di cronaca che impressiono’ enormemente l’opinione pubblica francese. La regia e’ di Giovanni Anfuso. Fino al 15 ottobre.

MILANO – Nel 1983, al cinema, fu Jennifer Beals, diretta da Adrian Lyne, a raccontare la storia della ballerina-operaia saldatrice con il sogno di lasciare fabbrica e locali notturni per entrare all’Accademia di danza di Pittsburgh. Oggi e’ Chiara Noschese a dirigere una nuova versione in musical di ‘Flashdance’, ultima produzione targata Stage Entertainment, in prima assoluta da domani al Teatro Nazionale Che banca! per oltre due mesi. Protagonista, Valeria Belleudi, con le coregrafie di Marco Bebbu su una colonna sonora di grandi hit, da Maniac a What a Feeling, Manhunt, I Love Rock and Roll e Gloria. Dal 5 ottobre al 23 dicembre.

BOLOGNA – Dopo il Nino Manfredi televisivo, Elio Germano torna al teatro, accompagnato in scena alle note di Teho Teardo, per ‘Viaggio al termine della notte’, versione completamente rinnovata nelle musiche e nei testi del capolavoro di Louis Ferdinand Ce’line. Da domani al Delle Celebrazioni, le disavventure di Bardamu e gli orrori della guerra mondiale che travolge le relazioni tra gli uomini quanto i continenti. Il 5 ottobre.

ANSA