Soia: la regina della cucina asiatica

17 novembre, 2014 nessun commento


Share

Tutte le proprietà della soia. Voglia di cibo made in Asia? Perché non insaporirlo allora con qualche gustosa salsa ad hoc? Potrebbe fare al caso vostro il tamari: si tratta di una una salsa di soia giapponese – una speciale varietà di shoyu – molto salata e dal sapore forte (indicata per chi soffre, ad esempio, di celiachia). È tradizionalmente usata per condire il riso e i piatti a base di verdura. Nato 2500 anni fa in Cina (si ritiene sia stato scoperto e ottenuto per la prima volta da Liu An della Dinastia Han, nel 164 a.C.), fu favorito nella diffusione dall’alto consumo di soia e alimenti a base di questo legume (che si estese anche in Giappone) a seguito della proibizione buddhista di usare salse di carne o pesce (la variante giapponese contiene anche frumento). Ma scopriamo qualcosa in più sul suo ingrediente principale, la soia.

shutterstock_158022851

Si tratta di una pianta della famiglia delle leguminose, originaria dell’Asia orientale e coltivata per scopi alimentari. Allo stato spontaneo esiste una specie affine, Glycine soja, la cosiddetta “soia selvatica”. In Europaarrivò inizialmente come oggetto di studio nei giardini botanici e, solo nell’Ottocento, se ne iniziò la coltivazione. Si dice che riduca il colesterolo, regoli la fame e migliori il funzionamento del metabolismo. Ricca di proteine è povera di grassi. Ma la soia può essere “da bere” con il latte di soia o “da mordere” (avete mai assaggiato il tofu?). Vediamo allora una ricetta semplice semplice per assaporare al meglio questo ingrediente orientale con gli spaghetti di soia con verdure e anacardi.

Ingredienti:

150 gr di spaghettini di soia
1 zucchina
1-2 carote
1/2 peperone rosso
2 cipollotti medi
germogli di soia freschi
anacardi
olio evo
salsa di soia
zenzero in polvere o fresco

Lavate le verdure, tagliate i cipollotti sottili usando anche la parte verde, affettate a striscioline la zucchina, la carota e il peperone.
Mettete a scaldare abbondante olio nel wok (è il più indicato per questa preprazione) o in una padella antiaderente capiente, una volta caldo versate i cipollotti, le carote e il peperone, fate saltare a fuoco medio, dopo un minuto aggiungete la zucchina, i germogli di soia e gli anacardi, mescolate bene. Incorporare lo zenzero e la salsa di soia, per le quantità regolatevi secondo il gusto assaggiando.
Le verdure devono rimanere croccanti quindi, dopo 2-3 minuti, spegnete. Occupiamoci ora degli spaghetti, cuoceteli secondo le istruzioni riportate sulla confezione e poi versateli nella padella con il condimento mescolando bene affinché si insaporiscano bene. E ora… buon appetito!

Tag:, , , ,