In Trentino sulla strada dei formaggi

28 gennaio, 2015 nessun commento


Share

Il Trentino ha stretto con il formaggio una relazione millenaria. Duemila anni di tradizione, una consuetudine antica che ha sempre tratto giovamento dagli ingredienti tipici delle Dolomiti: erbe e fiori di montagna, acqua di torrente e aria sopraffina.

Oggi esiste anche un percorso gastronomico che permette di scoprire tutte e 440 le malghe ancora attive nella produzione del formaggio. La strada dei formaggi delle Dolomiti è lo stesso percorso, fatto di sentieri e mulattiere, che i pastori percorrono da secoli per portare al pascolo il bestiame. E’ un sentiero che è bene percorrere d’estate, con temperature miti e senza l’intralcio della neve.

shutterstock_189213443
Il nostro piccolo viaggio parte dalla Valsugana, terra che dal dodicesimo secolo produce formaggi, e più precisamente dalla Malga Casapinello a Torcegno. Qui nasce una vera delizia, il formaggio del Lagorai, acquistabile o da provare sul posto. Altra location da non perdere è il Maso Cantanghel, ristorante circondato dai vitigni del prezioso Pinot Nero, dove viene preparata una pasta in casa che si accompagna con sugo di funghi porcini e formaggio di malga.

Rifugio Crucolo è il più antico luogo di ristoro del Trentino, datato 1821, e condivide il nome con un famosissimo formaggio prodotto da latte di vaccino crudo. Padroni di questa tradizione sono i membri della famiglia Purin, proprietari anche di un albergo l’Hotel Spera a solo dieci minuti di strada. Ma le vere meraviglie escono dalla cucina del Rifugio: zuppe, canederli, polenta di Storo con formaggio fuso, sono alcune delle tipicità più gustose.

Per gli amanti del formaggio di capra invece la destinazione ideale è l’Azienda Agricola del Mazarol a Canal San Bovo. Qui vengono allevate biologicamente capre da latte per la produzione di caciotte, tomini e yogurt. Quando si arriva a Moena si entra nella zona del famoso “puzzone”. Un formaggio ricercatissimo che ottiene la sua aroma pungente grazie ad un settimanale lavaggio della crosta che favorisce la fermentazione batterica. Per acquistare il Puzzone di Moena fate un salto alla Casa del Formaggio Dellagiacoma aPozza, una vera boutique gastronomica dove è facile perdersi tra marmellate, speck, miele… tranquilli vi basterà utilizzare l’olfatto per arrivare a bersaglio!

cartoon porn