Il gusto del Centroamerica con il tour del caffè

23 dicembre, 2015 nessun commento


Share

Una leggenda popolare narra di un giovane pastore etiope di nome Kaldi, che fu il primo a scoprire il caffé. Mentre era al pascolo con le sue capre, scoprì l’effetto energizzante che i suoi chicchi avevano sugli animali. Decise così di provarlo e ne constatò immediatamente l’efficacia. Il caffé diventò presto molto popolare in Africa, venendo poi esportato in Asia e in tutto il resto del mondo.Oggi il caffé è un’icona del Centroamerica e uno dei suoi prodotti simbolo da esportare.

shutterstock_259721900

Nel settore della produzione di caffé nella regione, l’Honduras occupa il primo posto, il terzo in tutta l’America e il sesto a livello mondiale. Il Paese è diviso in 6 regioni geografiche in cui è coltivato e prodotto caffé. Una di queste è l’area di Copán, nella zona più alta e montuosa del Paese, dove si ottengono i migliori chicchi del Paese e la coltivazione e la produzione di questa bevanda rappresentano importanti attività economiche.
shutterstock_268187858Un’altra regione è Montecillos, nota per essere la prima zona in cui venne prodotto caffé di alta qualità nei primi anni del XI secolo. La sua bontà continua ad impressionare esperti ed appassionati, grazie al sentore dolce e fruttato.
L’alta qualità, la macinatura, la storia e lo stile di vita delle cosiddette “famiglie del caffé”, costituiscono l’essenza di questo prodotto, che può essere assaporato attraverso un percorso turistico che copre le sei regioni dell’Honduras. Sono molte le piantagioni di caffé che possono essere visitate e in cui è possibile conoscerne i procedimenti, dalla semina alla lavorazione, fino al confezionamento.

In Nicaragua, il tour del caffé è la terza attrazione turistica più importante del Paese, dopo i percorsi coloniali e i vulcani. L’intero tour si estende in cinque zone: Estelí, Jinotega, Madriz, Matagalpa e Nueva Segovia.
Tra queste, a Matagalpa, nel Museo Nazionale del Caffè i viaggiatori possono approfondire gli eventi storici legati alla produzione di questa bevanda. Jinotega è la zona che produce più caffè in assoluto, per questo è nota come la “capitale del caffé del Nicaragua”, anche per la qualità dei suoi chicchi. Il percorso si conclude poi nella zona di Nueva Segovia conosciuta per la sua storia coloniale e l’artigianato.

Ad Antigua Guatemala si può visitare il Museo del Caffé, una vecchia fattoria adattata a centro espositivo e culturale, in cui c’è uno spazio interamente dedicato all’insegnamento della “catación de café”, con guide turistiche specializzate che mostrano come utilizzare i cinque sensi per assaporare e degustare l’aroma del caffé in maniera completa e coinvolgente.
All’interno del museo si possono osservare macchine di inizio secolo utilizzate durante la lavorazione, fotografie, mappe, antichi mulini provenienti da tutto il mondo, caffettiere e tanto altro. Una volta terminato il tour, ogni visitatore può gustare una tazza di caffé coltivato e trattato nella fattoria stessa.

La coltivazione del caffé è legata alla storia di molti Paesi centroamericani ed è ormai diventata un elemento fondante della loro cultura: seguirne le orme significa viaggiare nel cuore della regione e lasciarsi immergere da sensazioni che coinvolgono tutti e cinque i sensi.