In vacanza e a ferragosto si brinda a tavola

27 luglio, 2017 nessun commento


Share

Molti ristoranti chiudono per le vacanze, altri, come questi che vi segnaliamo restano aperti per offrirvi prelibatezze e menù degustazione. Ecco 4 ristoranti nel nord Italia che apriranno le porte per voi.

La Rampina – San Donato Milanese

La Rampina è ben più di un ristorante storico, con radici cinquecentesche, accoccolato nella campagna a pochi chilometri da Milano. Il posto del cuore di tanti milanesi che amano il fuori porta, immersi nella natura e avvolti dal fascino della storia. Si cena all’aperto in una corte cinquecentesca dove non si ha la percezione di trovarsi a soli 15 minuti da Milano. Un’ ampia corte interna al riparo dai rumori, per godere del sapore di una proposta culinaria di papà Lino e del giovane figlio Luca, sapientemente equilibrata tra tradizione milanese, lombarda, regionale e innovazione ricercata. L’identità de La Rampina risiede nell’impegno costante della famiglia Gagliardi che cura da generazioni questo gioiello bucolico.
La Rampina chiude dal 16 agosto al 2 settembre, per il Ferragosto propone un menu degustazione a 60€ vini abbinati e bevande incluse.

Osteria del Portone – Melegnano

L’Osteria del Portone rappresenta un luogo unico nella realtà di Melegnano, si affaccia sulla piazza principale che guarda al Castello Mediceo: una targa appesa alle pareti ne attesta la sua storicità, presente sul cuore della cittadina dal 1722 con una locanda con stallazzo a 10 km da Milano, lungo l’antica via Emilia. Una realtà e tre anime: dalla cucina dell’Osteria Del Portone, a Enò, la cantina accogliente e intima con una selezione importante di vini naturali e a Il Garden, regno dell’aperitivo di qualità e dei cocktail studiati dal barman Dario Di Palma, con un ampio dehor e l’atmosfera lounge all’aperto per il periodo estivo.
Osteria del Portone chiude solo una settimana, dal 14 al 21 agosto.

Vecio Fritolin: agosto a Venezia

A Venezia, nel cuore dell’affascinante città sospesa tra terra e acqua, la storica insegna del Vecio Fritolin fa capolino nei vicoletti di Santa Croce. Una storia tutta veneziana, che inizia nel Settecento con un semplice bacaro , che continua nel presente con le proposte gourmet dei due chef Pierluigi Lovisa e Raffaele Minute: l’esperienza e la tradizione, intrisa di creatività, per il primo, in un continuo dialogo tra passato e presente; la giovinezza, la freschezza e la creatività che caratterizza il secondo. La solare Irina Freguia, la patron, ha saputo creare una perfetta sintesi tra un ambiente caldo e accogliente, che racconta la storia di una cucina veneziana, emozionante e generosa: il disegno di un museo a cielo aperto della Venezia godereccia, elegante e di classe, con un tocco di humor, descritta perfettamente dal Goldoni.
Il Vecio Fritolin torna dalle ferie il 10 agosto e da allora sarà sempre aperto per tutta la stagione.

Rampoldi

Lo storico ristorante Rampoldi, istituzione da oltre 70 anni nell’ambiente monegasco, primo fautore della cucina di eccellenza e del polo gastronomico di Montecarlo, non chiude mai per ferie.
La renovation degli ambienti ha abbattuto i confini tra cucina e sala, così da far sentire gli ospiti partecipi del processo creativo dei piatti dello chef Antonio Salvatore. I commensali sono immersi nell’atmosfera di gran fascino della sala principale, ispirata alla Belle Époque: i toni caldi dei rivestimenti in marmo e legno, le decorazioni dei soffitti, le arcate a specchio alle pareti e le comode sedute in pelle color tortora hanno attualizzato il design del ristorante, senza perdere l’inconfondibile charme del vecchio Rampoldi.
Un’ampia terrazza davanti al ristorante, prolungamento della sala a tutti gli effetti, arricchita dalla vista sulla splendida cornice del Principato.
Per Ferragosto è imperdibile il nuovo menu grill, carne di prima scelta, l’era della griglia di lusso è iniziata: Tomahawk con 35 giorni di frollatura, costata di manzo Rubia Gallega di 6 anni con 50 giorni di frollatura, il filetto di Angus della Nuova Zelanda, costolette di agnello della Nuova Zelanda alla brace e il burger Rossini al tartufo realizzato con carne di Angus Aberdeen e foie gras.