L’Italia la preferita per un tour culinario

19 ottobre, 2017 nessun commento


Share

Sole, mare, cultura ma soprattutto cibo. È la cucina italiana uno dei grandi driver del turismo del nostro Paese quella preferita dai viaggiatori gourmet. Tagliatelle, spaghetti, lasagne solleticano la fantasia di chi si mette in viaggio per scoprire i sapori caratteristici di una nazione molto più di sushi, ostriche e tapas.  A confermarlo è una ricerca condotta da eDreams, l’agenzia viaggi leader in Europa, svolta coinvolgendo un totale di 12 000 viaggiatori da Italia, Spagna, Francia, Regno Unito, Stati Uniti, Portogallo e Svezia.

L’antica tradizione culinaria, la varietà topografica e culturale del territorio e le molteplici influenze culturali a cui l’Italia è stata soggetta rendono il Bel Paese uno dei luoghi con il più ampio patrimonio gastronomico al mondo. La vastità di prodotti tipici, differenti da regione a regione, fanno della nostra cucina una delle più ricche e variegate in assoluto. Il cibo in Italia è piacere, è una passione e un momento di vita sociale, è un rituale che amiamo condividere, qualcosa di più del semplice atto di nutrirsi. Questa inestimabile tradizione ci è riconosciuta a livello globale ed emerge chiaramente nel rapporto stilato da eDreams: il 63% degli intervistati mette l’Italia al primo posto tra i paesi scelti per un tour culinario, quasi il doppio rispetto ad altri paesi che hanno una storica tradizione gastronomica come la Francia, preferita dal 35% degli intervistati, e superiore a cucine in voga come quella giapponese o tailandese: rispettivamente votate dal 27% al 30%.

Gli Italiani fanno del cibo la bandiera dell’identità nazionale e uno dei piaceri irrinunciabili della vita, tanto da non trascurarlo nemmeno nella scelta di una destinazione di vacanza: la cucina italiana è la preferita dagli stessi italiani che la mettono al primo posto tra quelle alla cui scoperta dedicherebbero un viaggio.

Ecco una classifica delle prime 10 mete scelte dagli italiani per un viaggio alla scoperta dei sapori:

  1. Italia
  2. Spagna
  3. Messico
  4. Giappone
  5. Grecia
  6. Francia
  7. Argentina
  8. Tailandia
  9. Cina
  10. India

Fanalino di coda la cucina eritrea con solo 5% degli italiani a considerarla interessante per un viaggio.

Per l’italiano all’estero è meglio lo street food del ristorante stellato

L’Italia come meta di tour enogastronomici preferita in assoluto, ma gli italiani, estimatori del buon cibo, sono anche più i avventurosi nello scoprire altre tradizioni gastronomiche. Che siano mete lontane o paesaggi conosciuti, gli abitanti del Bel Pese scelgono la cucina come via per conoscere la cultura di un popolo: il 63% considera la gastronomia tra i fattori principali nella scelta di una meta di viaggio da scoprire attraverso l’autenticità della produzione locale, la peculiarità del prodotto tipiconella sua forma più vera, scovando piccoli produttori locali, ristoranti caratteristici e sperimentando lo street food (43%), piuttosto che affidarsi all’haute cusine degli chef stellati (14%), a cui invece sono più interessati spagnoli (25%) e americani (32%). Più basse le percentuali degli altri paesi nel considerare la cucina come fattore determinante nella scelta di una destinazione: Regno Unito 34%, Francia 45%, Spagna 42%. Ultima la Svezia con il 30%. Solo il 3% degli Italiani non prova la cucina locale della sua destinazione di viaggio, percentuali basse anche per Spagna e Portogallo, tra i 2 e i 3 punti percentile. La nazione più refrattaria a conoscere nuove culture culinarie è il Regno Unito con un 10% degli intervistati che dichiara di non provare mai la cucina locale.

La peculiarità culinaria del Bel Paese e si manifesta inoltre nel desiderio di assaggiare cibi nuovi, sapori strani e piatti esotici. La ricerca a questo proposito indaga i desideri nascosti degli italiani in viaggio.

Ecco i cibi che saremmo maggiormente disposti ad assaggiare:

  1. Renna
  2. Squalo
  3. Balena
  4. Coccodrillo
  5. Canguro

 

L’italiano in viaggio: niente dieta e più alcolici

L’amore per il cibo è quindi una forte componente che esercitiamo non solo a casa ma anche quando siamo in viaggio, assaggiando, scoprendo e valorizzando le cucine dei luoghi di vacanza, con qualche concessione sulla linea. Gli abitanti della Penisola, liberi da stress e impegni lavorativi, si concedono infatti qualche licenza sulla dieta: se durante l’anno la maggioranza degli italiani consuma una media tra le 1500-2000 calorie (un quantitativo leggermente inferiore rispetto al fabbisogno medio giornaliero mentre Spagna, Svezia e Germania consumano in media 2000-2500 calorie), durante le ferie il consumo di calorie è in media quasi il doppio rispetto a quello della vita di tutti i giorni, con una percentuale alta in tutte le regioni d’Italia. In Italia oltre il 70% degli intervistati dichiara di consumare fino a tre volte tanto il consumo di calorie che fa a casa: rispettivamente il 34% fino a una volta e mezzo, il 29% il doppio e 10% il triplo.

Il consumo di calorie medio di un viaggiatore è alto anche per Stati Uniti e Regno Unito, seguiti da Francia e Svezia. Siamo disposti a concederci qualche stravizio soprattutto se si parla di alcolici e gelati (42%) ma mangiamo anche più frutta (38%) e pesce (41%) che nel resto dell’anno. Tuttavia il tenore della nostra dieta in vacanza è sicuramente migliore rispetto a quella degli altri paesi: solo il 22% degli italiani intervistati in vacanza consuma junk food a dispetto del 35% degli spagnoli, del 42% degli americani e del 33% dei portoghesi. Tra tutte le categorie però gli alcolici come vino, birra e distillati ingolosiscono di più l’appetito del viaggiatore italiano. Siamo tra i paesi intervistati a farne maggiore esperienza quando viaggiamo: ne consumiamo il triplo rispetto al resto dell’anno. Davanti a noi solo gli Stati Uniti e siamo seguiti a breve distanza da Francia e Portogallo.