Veratour raggiunge gli obbiettivi 2017 con boom estivo

28 settembre, 2017 nessun commento


Share

Se l’estate 2017 verrà ricordata per la grande ripresa del settore turistico in Italia, la stagione appena conclusa segna anche un nuovo importante traguardo per Veratour, tour operator italiano leader nel segmento villaggi, che in 27 anni di crescita ha portato oltre due milioni di italiani in vacanza. E che quest’anno, anche grazie alle sue nuove mete italiane, già a settembre raggiunge gli obbiettivi del 2017 con 200 milioni di fatturato.

Come raccontano i dati del Centro Studi Veratour, che analizza le prenotazioni raccolte attraverso una rete di circa 8.500 agenzie su tutto il territorio nazionale, tra giugno e settembre 2017 in casa Veratour gli italiani in vacanza sono aumentati con +16,85% rispetto al 2016. L’ottima performance si spiega grazie alla crescita generale di tutto il comparto (+1,2 milioni di vacanzieri secondo i dati Codacons). Ma anche grazie alla strategia del tour operator, che anticipando il trend quest’anno ha inaugurato sei nuovi villaggi, di cui due proprio in Italia: il Veraclub Barone di Mare a Torre dell’Orso in Puglia e il Veraclub Scoglio della Galea a Capo Vaticano in Calabria, che sono andati ad aggiungersi ai cinque di Sardegna e Sicilia, per un totale di 7 villaggi sul territorio nazionale e 40 in tutto il mondo, a diffondere il Made in Italy negli angoli più belli del pianeta.

”Guardiamo a questi risultati con prudenza, ma anche con ottimismo”, commenta Stefano Pompili, direttore generale della Veratour, quest’anno premiata per la seconda volta consecutivo come Migliore Tour Operator Villaggi Vacanze agli Italia Travel Awards. ”Il settore turistico – dice Pompili – è generalmente molto penalizzato in un periodo di crisi. Quindi questo aumento è un chiaro indizio di un miglioramento della situazione economica generale del Paese. Come player di riferimento del settore – prosegue – ci spieghiamo questa crescita anche grazie a un cambiamento della percezione della vacanza stessa, che ormai è sempre più importante per il benessere fisico delle famiglie, qualcosa a cui gli italiani non vogliono più rinunciare. Come azienda abbiamo saputo beneficiare del trend positivo, abbiamo investito molto in Italia, arricchito l’offerta e grazie all’impegno quotidiano possiamo dire già a settembre di aver raggiunto in anticipo gli obiettivi che ci eravamo prefissati per il 2017, ovvero di chiudere il bilancio dell’anno in corso a quota 200 milioni di fatturato”.

In particolare, raccontano i dati del tour operator, è il Mediterraneo che si conferma la meta preferita degli italiani per l’estate 2017, con in testa l’Italia che per Veratour cresce del 32% sul 2016. “Sardegna e Puglia in primis – dice Pompili – poi sono andate molto bene anche le coste di Sicilia e Calabria”. Secondo posto per la Grecia con +8% rispetto a un anno fa e terzo per la Spagna, sostanzialmente in linea con i dati 2016. La spesa media complessiva stimata dal Centro Studi Veratour si attesta intorno ai 1.130 euro a persona. ”Ora – conclude il direttore generale – siamo pronti per una stagione invernale che vediamo già molto forte. In assoluto, l’Oceano indiano è tra le mete più gettonate, già in anticipo, con Zanzibar, Kenya, Mauritius e una richiesta molto forte per le ‘ritrovatè Maldive’.

ANSA