Dalla ricerca italiana acqua pulita per le Maldive

30 novembre, 2016 nessun commento


Share

Le Maldive sono senza dubbio un paradiso terrestre, anche se in alcune sue parti è complicato avere acqua pulita e soprattutto potabile. A questo vuole porre rimedio un progetto di ricerca dell’Università di shutterstock_76001191Milano-Bicocca, che installerà un dissalatore di acqua a Magoodhoo, sull’atollo maldiviano di Faafu. A raccontarlo è il sito In a Bottle (www.inabottle.it): il progetto, la cui realizzazione è attesa entro marzo 2017, “consentirà di fornire acqua pulita agli abitanti dell’isola e al Marhe Center, il centro di ricerca universitario presente sull’isolotto”. Questa operazione avrà anche diversi vantaggi: il dissalatore, fornendo acqua depurata, “migliorerà sensibilmente l’igiene e la sicurezza nella preparazione di cibi e bevande, con conseguenti ricadute positive sulla salute degli abitanti che saranno meno esposti alle malattie legate alle acque contaminate”. L’impianto, inoltre, userà energia rinnovabile e renderà Magoodhoo indipendente dalle altre isole per l’approvvigionamento dell’acqua. Durante tutte le fasi del progetto i ricercatori della Bicocca, in collaborazione con la Maldive National University, metteranno in campo anche diverse analisi scientifiche: studiando i terreni di scavo, ad esempio, si potranno ricostruire i cambiamenti climatici che si sono verificati alle Maldive nel corso dei secoli.

ANSA