Lost in Gran Bazar

13 marzo, 2015 nessun commento


Share

Istanbul è il collegamento ideale tra occidente ed oriente. Un’antica porta su un continente che ancora oggi odora di mistero: l’Asia. In una città così affascinante non è raro imbattersi ancora in istantanee di un mondo che fu, ricco di intensi commerci tra la potente Europa e l’Oriente dei sultanati e della Via della Seta. Per sentirvi davvero immersi nell’atmosfera che trovarono gli antichi commercianti europei dovete concedervi una giornata nell’immenso Gran Bazar di Istanbul.

 

shutterstock_138919508(1)

 

Costruito nel 1461 questo labirintico mercato coperto è una vera e propria città nella città: 4000 botteghe su una superficie di 200.000 metri quadri. Questo dedalo di vie, piazzette, vicoli e fontane, è stato il primo “grande magazzino” della storia. Qui i caravanserragli consentivano alle carovane di scaricare la merce direttamente al suo interno e ogni strada era, allora come oggi, dedicata a una corporazione: quella degli orefici, dei venditori di tappeti, abiti o scarpe e fabbricanti di dinanderies, ovvero oggetti in ottone.

 
Un vortice di colori e odori che non vi distrarrà dall’acquistare souvenir unici che spaziano dai pellami alle lampade, dalle maioliche pitturate a meravigliosi gioielli in oro e argento. Ma anche nella remota eventualità non foste interessati ad acquistare nulla il Gran Bazar vi catturerà con la sua struttura labirintica, originariamente in legno, e oggi completamente in pietra per scongiurare il pericolo degli incendi.

 
Ma la vera scoperta di questo immenso mercato è la sua struttura in pietra: un labirinto, un tempo in legno e ricostruito in pietra a causa degli incendi, che non finirà di stupirvi per la sua bellezza così unica e ricca di fascino. Oggi il Gran Bazar è sostanzialmente votato al turismo ma se volete ancora trovare degli angoli ricchi di autentico fascino recatevi da Zincirli Han, dove i maestri artigiani lavorano il metallo a colpi di martello, oppure da Iç Cebeci Han per godervi un thè lontano dal caos del Bazar, immersi nel verde di un antico cortiletto o affacciati sulle splendide terrazze.

 
Volete chiudere in bellezza la vostra visita? Non potete perdervi il cuore del Gran Bazar! Cevahir Bedesten è la parte storica del mercato, qui si trovano i venditori più antichi e cari dell’intera struttura, una chicca da non perdere e da gustare anche solo con gli occhi.

 

 

 

 

Tag:, , ,