Souvenir speciali made in Cook Islands

18 giugno, 2016 nessun commento


Share

A metà strada tra la Nuova Zelanda e le Hawaii, il clima tropicale e la cordiale ospitalità vi danno il benvenuto nelle seducenti Isole Cook, destinazione ideale per scoprire tutta la magia della Polinesia Neozelandese. Qui potrete godervi una vacanza da sogno e acquistare autentici pezzi d’arte che raccontano l’affascinante cultura delle isole, il cui patrimonio polinesiano è fortemente influenzato da quello europeo.

cook islands

Tra i souvenir più speciali, troviamo le sculture in legno di Tangaroa, Dio del mare e simbolo delle isole. Tappa obbligatoria per gli amanti del genere è certamente quella al negozio dell’artista Mike Tavioni ad Atupa (Rarotonga) dove, tra gli altri oggetti, si possono trovare le kumetes, bocce di diverse dimensioni. Un altro mercato che gli amanti dell’artigianato non possono perdere è quello del sabato a Punanga Nui (Avarua) in cui l’artista Henry Tavioni presenta le sue sculture negli stili tipici delle Isole Cook.

Le perle nere, completamente naturali, sono un’altra opera d’arte che potrete mettere in valigia al ritorno dal vostro viaggio. Originarie di Manihiki Island, uno dei luoghi abitati più antichi del mondo, rappresentano il principale business locale, una pratica complessa che richiede varie competenze, tra cui la
5898e29303e901adf646250f88eb415ca177e771rischiosa immersione a profondità record. La formazione della perla avviene all’interno della Pinctada Margaritifera, la più famosa ostrica perlifera, che secerne naturalmente pigmenti neri che donano alla madreperla e alle perle da essa prodotte la loro tinta caratteristica. L’artista Tokerau Jim, con sede a Muri (Rarotonga), specialista di questa materia, si dedica alla scultura di perle e conchiglie trasformandole in originali e unici souvenir.

Un altro souvenir ispirato dalla bellezza incontaminata delle Isole Cook, dalla sua gente e dalle loro tradizioni, è rappresentato da TeTika, la linea di prodotti di bellezza a base di oli bioattivi che hanno un effetto rigenerante sull’epidermide della pelle. Questi notevoli oli sono il risultato di una ricerca lunga un decennio e di materie prime locali coltivate e raccolte in modo sostenibile.

Gli amanti della moda possono farsi creare capi su misura, con tessuti arricchiti da motivi floreali dipinti a mano, nello stile delle isole, gli stessi portati dal principe William e da Kate Middleton durante la loro ultima visita nel Pacifico. Inoltre, le Isole Cook sono famose per il cosiddetto Tivaevae, un patchwork lavorato a mano con deliziosi disegni, i cui segreti di elaborazione sono trasmessi di generazione in generazione. La tecnica, introdotta nel XIX secolo dalle mogli dei missionari provenienti dall’Inghilterra e dalle suore, rappresenta oggi un’arte popolare tra le donne che s’incontrano per cucire.

Oltre a Mike e Henry Tavioni e a Tokerau Jim, molti altri fanno parte della comunità di artisti delle Isole Cook, organizzazione che riunisce tutti gli appassionati d’arte e che si dedica a comunicare al mondo la bellezza e il significato delle loro opere. Disegni acrilici in legno, stampe, dipinti con la sabbia, ceramiche con motivi naturali, gioielli, parei dipinti a mano… sono tantissimi gli oggetti tipici di questi luoghi meravigliosi che vi permetteranno di rivivere i paesaggi e le esperienze delle vostre vacanze Cook Islands in qualsiasi parte del mondo!