Fernando de Noronha: una meta non per tutti

7 aprile, 2014 nessun commento


Share

Fernando de Noronha, l’isola principale e l’unica abitata dell’omonimo arcipelago vulcanico, è un vero e proprio paradiso ecologico che ospita, nelle sue acque turchesi e nella sua foresta tropicale, specie rare in via di estinzione.

A Fernando de Noronha si ha infatti l’occasione di vivere un rapporto privilegiato con
la natura, dove è possibile ammirare diverse specie di uccelli, razze, squali, balene, la rara tartaruga Pente e a Mirante dos Golfinhos, le spettacolari acrobazie dei delfini rotatori.

Questa spettacolare oasi naturalistica, dichiarata nel 1988 Parco Nazionale Marino e nel 2001 Word Heritage dell’Unesco, è protetta da rigide regole a dimostrazione dell’attenzione del Brasile nei confronti della sostenibilità.
La permanenza su questo arcipelago, localizzato a poco più di un’ora dal continente, proprio per questioni ambientali è limitata. Pertanto conviene programmare il viaggio in anticipo, visto che solo un numero limitato di persone, a cui è richiesta una Environment tax, è autorizzato a sbarcare ogni giorno sull’isola.

Dal clima costantemente temperato, la magnifica isola di Fernando de Noronha è un vero e proprio paradiso non solo per i subacquei, per i surfisti e per gli amanti del trekking ma anche per gli eco-turisti e per chi semplicemente è in cerca di sole e relax. L’isola offre diverse spiagge, quelle del Mar de Dentro protette dai venti, ideali per chi ama praticare snorkeling e quelle del Mar de Fora, esposte alle correnti dell’oceano Atlantico e meno adatte alla balneazione.
Le più belle spiaggie del Mar De Dentro sono: la spiaggia di Conceicao, raggiungibile a piedi dal piccolo paese di Vila dos Remedios attraversando la spiaggia di Cachorro e di Meio, la spiaggia Cachimba do Padre, una distesa di sabbia bianca dominata dai “dois Irmaos”, ossia due faraglioni gemelli che si innalzano sulle acque cristalline, la baia dos Porcos, dove fare snorkeling in pozze naturali e raggiungibile a piedi da Chachimba do Padre e la bellissima spiaggia di Sancho. Tra le spiaggie del Mar De Fora va citata la baia do Sueste, famosa per le tartarughe marine.

Questa affascinante destinazione marina del Brasile è sconsigliabile a chi è in cerca di una vacanza all’insegna del lusso. Non ci sono catene alberghiere e villaggi all-inclusive, ma solo romantiche pousade, dove trascorrere momenti indimenticabili all’insegna della natura. Una natura primitiva, esotica arricchita dai colori caldi delle splendide sabbie dorate e da un mare dalle mille tonalità dal blu al verde smeraldo. Le basse maree inoltre regalano molteplici piscine naturali, che permettono un contatto diretto con la fauna marina, tra le più ricche del Brasile, caratterizzata da brulicanti pesci tropicali, molluschi, crostacei e diverse specie di coloratissimi coralli, circa 15 delle 18 specie esistenti in natura.
Fernando de Noronha non è solo natura ma anche storia. L’isola scoperta nel 1503 da Amerigo Vespucci in rotta per il Nuovo Mondo è stata successivamente colonizzata da portoghesi, olandesi e francesi per poi divenire base strategica dopo la seconda guerra mondiale. Diversi i siti storici da visitare come Vila dos Remedios e le rovine dei forti di Sao Pedro do Boldro e di Santo Antonio.

Lucia Limiti

Latest posts by francesco (see all)

Tag: