Aitutaki: la più bella laguna del mondo?

7 dicembre, 2014 nessun commento


Share

Incredibili spiagge candide, clima perennemente mite, un’immensa laguna triangolare che abbraccia un numero imprecisato di motu (isolotti) che sembrano galleggiare su queste acque trasparenti. 

aitutaki

Aitutaki possiede una peculiare bellezza rappresentata dalla sua laguna triangolare, uno dei paesaggi marini tra i più belli di tutto l’Oceano Pacifico. Le acque cristalline dalla temperatura sempre gradevole e i fondali da sogno abitati da pesci diverse varietà, conchiglie meravigliose e tartarughe, sono un paradiso per quanti amano nuotare, praticare snorkeling, fare immersioni o pescare. Ma questa perla dei mari del sud è anche interessante dal punto di vista storico perché ha diversi marae (luoghi per i raduni religiosi prima dell’arrivo degli europei) aperti ai visitatori, e, infine, offre alcuni degli spettacoli di musica e danza più belli dell’arcipelago delle Isole Cook, gli  ‘island nights’.

Quando si ha la fortuna di passare un po’ di tempo in una delle lagune più belle al mondo la cosa migliore da fare è esplorarla e gustarla appieno, con una mini crociera giornaliera che vi condurrà verso i motu più lontani, come Honeymoon Island, bianca striscia di sabbia che emerge di 10 cm dall’acqua azzurra, dove è possibile anche sposarsi. Da qui, a piedi nell’acqua, si raggiunge One Foot Island, l’unica isola disabitata al mondo ad avere un ufficio postale dal quale potrete inviare cartoline e farvi timbrare i passaporti.

aitutaki cook islands

 

Sull’isola si snoda una fitta rete di strade che permette di raggiungere villaggi isolati e piantagioni in bicicletta, in scooter, in auto o con tour organizzati in 4×4. Il villaggio principale di Aitutaki è Arutanga, dove si trova la più vecchia chiesa delle Isole Cook, nonché una delle più belle, costruita nel 1828, con diversi oggetti di legno intagliato e vetrate policrome. È qui che la domenica mattina i suoi abitanti si radunano per la messa. Le donne locali indossano vestiti colorati e fantasiosi cappelli con inserti di perla nera ed intonano canti coinvolgenti.

d5a1e858ad0f525b510dbd551d702323b995c9d1Il “Maungapu”, all’estremità settentrionale dell’isola, è un’altura di soli 125 metri e, secondo la leggenda, è la cima del Picco Raemaru di Rarotonga, portato qui in bottino dai vittoriosi guerrieri Aitutaki. Vale la pena salire sulla cima (con una facile escursione di mezz’ora) per ammirare il panorama mozzafiato della laguna e delle sue motu a 360°. Non perdetevi la magia dei tramonti, circondati da un silenzio quasi irreale, quando il cielo comincia a tingersi delle tonalità del rosso fino a scurirsi e a regalarvi milioni di stelle, facendovi provare la sensazione di toccare il cielo.

Se cercate la movida, certo Aitutaki non è la destinazione che fa per voi, ma ogni sera potrete assistere nei vari alberghi alle folcloristiche danze polinesiane, oppure potrete ascoltare un po’ di musica in qualche locale, in compagnia degli abitanti, gente ospitale e spontanea, con cui trascorrere qualche ora e riscoprire i veri valori della vita, che qui procede ad un ritmo meravigliosamente lento.

Tag:,