10 buone ragioni per visitare lo Sri Lanka

26 ottobre, 2015 nessun commento


Share

Oltre alle spiagge tropicali, alle naturali meraviglie del paesaggio e a millenni di cultura, agli sport nazionali e ai festival tradizionali, c’è molto altro da scoprire nello Sri Lanka. Sorprendentemente, questa infinita varietà di possibili vacanze si sviluppa su un territorio a misura d’uomo: l’isola di Sri Lanka si estende infatti per un’area di circa 65.000 kmq (praticamente la stessa estensione della Baviera) e i visitatori non devono coprire grandi distanze per trovare un’estrema varietà di paesaggi.  Quali sono le dieci buone ragioni per visitare lo Sri Lanka?

Pristine---small

La Diversità – Con una tale quantità di siti interessanti e panorami mozzafiato raccolti in un’isola così piccola, un viaggiatore può cavalcare le onde all’alba e ammirare le montagne verdeggianti al tramonto. Le destinazioni di viaggio in Sri Lanka offrono una vasta gamma di esperienze, dalle classiche vacanze sulla spiaggia, all’osservazione delle specie animali e della natura, dagli sport adrenalinici alla visita di alcune delle più antiche città del mondo. Inoltre, con così tante culture che convivono una di fianco all’altra, la vita in Sri Lanka offre una serie di festività tutto l’anno.

Le Diverse Etnie – Lo Sri Lanka è un paese multietnico, multireligioso e multiculturale, riflesso dell’incontro dell’isola con gli immigrazione straniera. Le etnie dominanti, la Cingalese e la Tamil, sono entrambe provenienti dal sub continente indiano. I colonizzatori musulmani raggiunsero l’isola dai tempi in cui essa divenne un antico centro di commercio. I Portoghesi e gli Inglesi portarono con loro i Kaffirs dall’Africa e gli Olandesi un assortimento dei mercanti europei, i Burghers, creando così un affascinante mix di culture, i sorrisi e l’ospitalità degli abitanti sono leggendari e valgono da soli un’esperienza.

L’eredità Culturale – Questa piccola isola ospita otto siti patrimonio dell’Unesco che possono essere visitati in una sola settimana. Il percorso di visita include la città di Galle nel sud del paese con il suo famoso forte che risale al periodo coloniale olandese. Nel cuore del paese, invece, proprio nella giungla montuosa, Kandy, regno nascosto e capitale religiosa, sta solo aspettando di essere scoperta dai turisti. Il gigantesco monolite Sigiriya e le antiche città di Anuradhapura e Polonnaruwa valgono una visita, così come la grotta tempio di Dambulla, la riserva della foresta di Sinharaja e le terre alte del centro.

 

Festivals--smallFestival – Praticamente quasi tutte le confessioni religiose del mondo sono rappresentate in Sri Lanka, a cui va aggiunta la grande quantità di etnie e di raggruppamenti sociali: il risultato è un calendario di festività molto ricco. Numerosi festival ricchi di colore, che danno nuova vita alle antiche tradizioni e alle pratiche spirituali degli abitanti dell’isola, non sono sicuramente da perdere. Una gioia dei sensi è Aluth Avurudda, la festa per il nuovo anno degli Indù e dei Buddisti: per due giorni le strade prendono vita con musica, fuochi d’artificio e cibo delizioso. Il Vesak festival di maggio è il più importante festival dei Buddisti e segna il primo mese di festività buddiste dell’anno. Tutte le case e le strade vengono addobbate con lanterne molto decorate e lo Sri Lanka sembra un mare di luci. Durante il festival Kandy (Luglio /Agosto) i turisti si possono immergere nel passato medievale del paese: costumi antichi, danze vibranti, musica ed elefanti decorati rappresentano la bellezza delle ricche tradizioni dell’isola.

Esperienze Spirituali – Il buddismo è una religione ormai molto popolare in occidente e nello Sri Lanka i buddisti possono provare l’esperienza degli insegnamenti di Buddha, unendosi con i locali devoti in pellegrinaggio e tuffandosi nelle credenze popolari del Singalese. Una delle più importanti reliquie del Buddismo, un molare sacro, è custodito nel tempio di Dalada Maligawa in Kandy. I visitatori possono unirsi alle poojas (le cerimonie di preghiere) e, una volta all’anno, c’è una magnifica processione dedicata alla santa reliquia. Un altro importante luogo di pellegrinaggio è Adam’s Peak, la montagna sacra per buddisti, indù, cristiani e musulmani. I visitatori possono raggiungere la vetta di questa montagna per ammirare il tramonto e vivere questa magica atmosfera.

Ayurveda e Spa – Il benessere di tutti i sensi fa parte della tradizione dello Sri Lanka: la medicina ayurvedica, antica di 2000 anni, è ancora molto popolare nel paese e spesso i visitatori che ne hanno usufruito ritornano per ripetere i trattamenti. Quelli che non hanno tempo per soggiorni di due o tre settimane nei resort dell’isola, si coccolano con massaggi ayurvedici, meditazioni, lezioni di yoga e trattamenti nelle spa degli hotel. Lo Sri Lanka in realtà è un posto davvero unico per la meditazione.

shutterstock_131645030-minNatura e Animali Selvatici – Il Paese è un paradiso per gli amanti della natura: dall’osservazione delle balene nel punto più a Sud, Dondra Head, all’incontro con un elefante nel parco nazionale di Minneriya, ad una spedizione nella foresta pluviale. La biodiversità nell’isola è spettacolare e il 13% dello Sri Lanka è protetto: parchi nazionali, riserve, santuari e corridoi nella giungla. Un safari in uno dei 14 parchi nazionali offre la possibilità di poter vedere alcuni dei 91 mammiferi presenti, di cui 16 autoctoni: elefanti, leopardi, bradipi, sambhur, cervi, maiali, cinghiali, porcospini, formichieri, zibetti, lemuri, scoiattoli giganti e scimmie: macachi, scimmie dal muso viola e semnopithecus. L’isola è anche il paradiso degli ornitologi, con 233 specie di uccelli, alcune autoctone, che con le specie migratorie arrivano a circa 482. Ci sono anche 171 rettili, includendo anche due tipi di coccodrilli.

 

 

Sport e Avventura – Con più di 1600 km di costa, lo Sri Lanka è il luogo ideale per il surf, lo sci d’acqua, il wind surf, le immersioni, lo snorkeling e altro. Ci sono oltre cento fiumi, lagune e laghi dove si può fare canoa o kayak. La Kelani Ganga, vicino Kitulgala è ricca di rapide e cascate adatte per il rafting. Vari paesaggi, natura e siti archeologici offrono un’eccellente opportunità per trekking ed escursioni. I sentieri fanno parte della foresta pluviale di Sinharaja, della foresta di Horton Plains, dei Knuckles e della riserva naturale di Hakgala Strict.

 

sri-lanka-min

 

 

Spiagge – Spiagge bianche e palme in lontananza: scegliere tra queste coste con i colori dell’Oceano indiano è veramente difficile, sono tutte belle. Sia che preferiate coste molto ben collegate o baie solitarie, lo Sri Lanka può offrirvi una grandissima diversità di scelta.

Hotel – L’isola è ricca di hotel molto particolari situati in luoghi davvero incantevoli. Le aree costiere, specialmente quelle ovest e sud, contano moltissimi resort. Molti sono disegnati da Geoffrey Bawa, uno degli architetti più famosi dell’Asia. Il suo stile si può assimilare al modernismo tropicale, nel quale le forme del modernismo stesso sono in qualche modo ammorbidite ed arricchite dalle influenze della tradizione e dai paesaggi intorno. C’è anche un numero sempre crescente di boutique hotels sulla costa sud ed est, soprattutto nella zona di Galle. Le città sulle colline, come Kandy, Nuvara Eliya e Bandaravela, possono ancora vantare hotel dell’era coloniale, mentre per chi vuole soprattutto dedicarsi allo sport, ci sono case coloniali molto ben attrezzate, palazzi delle piantagioni di tea e di gomma, capanne nella giungla, case sugli alberi ed eco lodges, così come si trovano facilmente anche case dei nativi in affitto.

Tag: