Il Trentino per tutta la famiglia con tre parchi e otto reti di riserve

11 luglio, 2016 nessun commento


Share

I tre Parchi e le otto Reti di Riserve che compongono il sistema delle aree protette del Trentino tutelano, insieme, più del 30% del territorio. Da anni sono impegnati nel proporre esperienze di qualità rivolte a turisti e abitanti. Sono occasioni di conoscenza e approfondimento della natura, del concetto di sostenibilità.
Sono opportunità, fra l’altro, che mettono in relazione le persone e le generazioni. Non solo passeggiate diurne o notturne, ma occasioni per approfondire un mondo, quello della natura. Adulti e bambini si confrontano con un mondo che, per continuare a essere tale, ha bisogno di attenzione e cura.
Sono i 25 centri visitatori e punti informativi, che propongono occasioni di conoscenza per la tutela della trentobiodiversità con allestimenti, percorsi interattivi, spazi didattici e mostre. Più di 150.000 sono i visitatori che durante l’estate accolgono le proposte fatte da Parchi e Reti di Riserve. Il trend è in aumento e il target è composto in gran parte da famiglie. Per questo gli allestimenti sono ideati a misura di bambino.
Sono 18 le linee di bus navetta che consentono di raggiungere le zone dei Parchi con mezzi sostenibili: dal trenino della Val Genova ai bus per le malghe della Val di Rabbi, dalla navetta per la Val Venegia al nuovo Bicibus Trento-Sarche che collega il capoluogo del Trentino con la Valle dei Laghi spingendosi fino alle Dolomiti Unesco del Brenta e al Lago di Garda. Dalle statistiche degli anni precedenti – che paiono confermate anche dalle affluenze di quest’anno – nel corso dell’estate più di 300.000 persone si sposteranno usando servizi e mezzi di mobilità sostenibile, riducendo così l’impatto su aree ed ecosistemi.

ANSA