5 parchi nazionali americani su isole

29 settembre, 2016 nessun commento


Share

Il 2016 segna il centennale dell’istituzione dello United State’s National Park Service, un’importante iniziativa per preservare alcuni degli scenari più belli del paese. Molti parchi daranno il via ad alcune celebrazioni, quindi è un’occasione in più per visitarli. Tutti conoscono i classici Yellowstone, Yosemite, Grand Canyon e Zion, ma ci sono molti altri parchi da scoprire sulle isole e sulle coste degli Stati Uniti.

HALEAKALA NATIONAL PARK, MAUI

Se ci fosse un momento in cui varrebbe la pena svegliarsi alle 2 di notte, quello sarebbe per guardare l’alba sul monte più alto di Maui tra le nuvole. Il vulcano è un’attrazione aperta tutto l’anno, ma cercate di pianificare un viaggio ad Aprile o Maggio per incontrare meno persone. Molte compagnie fanno escursioni (alcune includono anche un percorso in bici) e la maggior parte offre i transfer da e per l’hotel. Portate qualcosa da mangiare (non viene venduto cibo nel parco) e rimanete per percorrere i 50 chilometri di sentieri in cima. Non siete mattutini? I tramonti sono ugualmente spettacolari, seguiti da cieli stellati senza inquinamento luminoso.
shutterstock_388731823

 

KENAI FJORDS NATIONAL PARK, ALASKA

La città di Seward è il vostro pass per questa aspra landa selvaggia. L’unica strada accessibile del parco (aperta da fine Maggio ai primi di Ottobre) inizia qui e e porta all’Exit Glacier, dove potrete facilmente fare un escursione o una camminata guidata da un ranger per avvicinarvi al ghiacciaio. Gli escursionisti più esperti possono affrontare l’Harding Icefield Trail, un sentiero da 13 chilometri andata e ritorno che passa attraverso pascoli, foreste e al di sopra di una serie di alberi per un panorama del quasi surreale terreno ghiacciato. I tour giornalieri partono dal porto di Seward alla volta dei ghiacciai del parco soggetti alle maree. L’area ospita leoni marini, lontre, orche e megattere.
shutterstock_379062202

 

HAWAII VOLCANOES NATIONAL PARK, ISOLA DI HAWAII

Come suggerisce il nome, il parco ha due vulcani attivi, Mauna Loa e Kilauea. Quest’utlimo è il più attivo sulla Terra ed entrambi sono patrimonio UNESCO e sono classificati sotto la rete mondiale di riserve della biosfera. Sono facilmente accessibili in macchina (non serve una jeep) su due strade principali, Crater Rim Drive e Chain of Craters Road, che porta a condotti vulcanici, zone sulfuree e tunnel di lava. Oppure potete inoltrarvi nei sentieri che si snodano attraverso crateri vulcanici, deserti e foreste pluviali. Un posto sacro per gli hawaiani, questo parco celebrerà anche il suo centesimo compleanno il primo di Agosto. Se pianificate il vostro viaggio durante le festività, avrete la possibilità di vedere i locali negli abiti tradizionali intenti a portare delle offerte a Pele, la dea del fuoco.
shutterstock_384846214

 

DRY TORTUGAS NATIONAL PARK, FLORIDA

Meno dell’1% di questo parco di 260 chilometri quadrati è su terra asciutta, quindi preparatevi ad immergervi per ammirare l’abbondante vita sottomarina e i coralli colorati. Viaggiate in barca o in idrovolante a 112 chilometri ad ovest di Key West verso questo luogo remoto, composto da sette piccole isole e dal golfo circostante. Gli inverni qui sono meno piovosi, le temperature miti e l’umidità è più bassa. Un mix perfetto per fare kayak, pescare, camminare e prendere il sole. I tanti siti per snorkeling e diving sono adatti a tutti i livelli e includono reef protetti, relitti e fossati. Prendete una mappa laminata da portare sott’acqua e cercate di avvistare le tartarughe del parco come la carette carette, le tartaruga liuto ed embricata. Non perdete il tour dello storico Fort Jefferson a Garden Key, una volta prigione durante la guerra civile.
shutterstock_110816243

 

VIRGIN ISLANDS NATIONAL PARK, USVI

Se siete già stati a St. John, avrete probabilmente già visitato il parco: il 60 percento dell’isola si trova al suo interno. Per arrivare, prendete un traghetto da Red Hook fino al lato ovest di St. Thomas. Più di 20 sentieri sboccano su laghetti salati, punti panoramici e spiagge caraibiche da cartolina. Visitate lo storico Annaberg Sugar Mill, una volta il più grande produttore dell’isola. Le spiagge nel parco sono naturali e incontaminate: Cinnamon Bay, Hawksnest Bay e Trunk Bay sono tra le più famose. In quest’ultima, il percorso di snorkeling è l’attrazione principale, adatto sia ai principianti che ai più esperti. I cartelli lungo il percorso danno importanti informazioni sulle creature marine e sulle formazioni di corallo che si incontrano. Sono disponibili anche tour guidati di snorkeling e bird watching.
shutterstock_170806901